Diventa Socio! - Rinnova la quota 2016!

Expert On Line

Leggi le risposte Fai una domanda


Il servizio Expert online ti permette di porre una domanda ai nostri esperti, un pool di specialisti soci della Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali.
Scegli l'area tematica di interesse, inserisci il tuo indirizzo mail e poni la tua domanda all'esperto. Riceverai una risposta dai nostri esperti nel più breve tempo possibile.
Cliccando su Domande-Risposte puoi consultare tutte le domande e risposte più interessanti pervenute alla Redazione SIMIT.

Domande e Risposte

Epatologia

Salve sono un ragazzo che ha avuto un rapporto non protetto con una ragazza e poi sono stato malissimo avendo tutti i sintomi Dell HIV,
La ragazza mi ha poi confessato di avere l hiv2, ho già fatto diversi teSt combinati risultati tutti negativi, ma come dicono anche le vostre linee guida l HIV 2 è più lento ha formare anticorpi e a voltè non si vede con i normali test combinati ma che ci vogliono dei test specifci per l hiv 2 hiv2 DNARNA sono mesi che cerco disperatamente posti per fare questi esami specifici ma non li trovo, la prego quindi se sa dirmi dove posso recarmi.grazie

LEGGI LA RISPOSTA

Altro

Salve, mio marito viaggia molto per lavoro, qualche settimana fa ha fatto il vaccino per il Tifo e sta assunmendo il Malarone per la profilassi antimalarica. Dato che siamo alla ricerca di una gravidanza vorrei sapere se il vaccino e il Malarone assunti dall'uomo possono comportare dei rischi per la salute del feto in caso di concepimento e se esiste un periodo di tempo che è necessario far intercorrere prima di cercare una gravidanza. Trovo spesso informazioni per quanto riguarda le donne ma difficilmente su come ci si deve comportare se si cerca una gravidanza ed è l'uomo ad essere vaccinato o ad assumere determinati farmaci.
Grazie in anticipo per la risposta.

LEGGI LA RISPOSTA

Altro

Sono un pediatra della provincia di Foggia.
Nel mese di maggio di questo anno ho avuto un infarto per cui durante il ricovero mi è stato messo un cateterte vescicale per 4 giorni.
Da allora ho avuto ripetuti episodi di infezione delle vie urinarie e prostatiti resistenti agli antibiotici più comuni.
A giugno primo episodio con febbre trattato per 7 giorni con amoxicillina ed acido clavulanicoresistente all'antibiogramma e momentanea risoluzione
Dopo 15 giorni nuovo episodio trattato per 5 giorni con Ciprofloxacina
A settembre nuovo ciclo di 5 giorni con Gentamicina 80 mg mattino e sera.
Fine settembre Meropenem e.v.mattino e sera per 5 giorni.
Metà ottobre Piperacillina/Tazobactam i.m. per 8 giorni.
Da ieri di nuovo pollachiuria,disuria,stranguria.
Sono molto preoccupato perchè sento che ho esagerato con gli antibiotici.
In attesa di un vostro consiglio porgo distinti saluti

Sergio Moretti.

LEGGI LA RISPOSTA

Altro

Salve, ho ritirato analisi e risulta quanto segue:
virus bepatite b antigene shbsag positivo 120 rif: 0-0,05
virus bepatite b anticorpi anti s hbsab negativo 5,97 rif 0-9,00
virus b hbv epatite b anticorpi anti hbc positivo 0,10 rif 1
virus bhbv epatite b anticorpi anti hbc igm negativo 0,19 rif 0,9
virus bepatite b antigene ehbe ag negativo 0,01 rif 0,09
virus bepatite b anticorpi anti e hbeab positivo 0,10 rif 1,1
Non ho mai fatto il vaccino.
Ho l'epatite b c'è pericolo per gli altri e se si, come devo comportarmi

LEGGI LA RISPOSTA

Infezioni ospedaliere

Sono un medico di mmg che lavora amche in una RSA, avremo ospite martedi 19 c.m. un pz con ventilatore automatico, in dimissione da un reparto di rianimazione,ora stabilizzato,ma con infezione respiratoria da acinetobacter multiresistenete.
Avendo in struttura ospiti immunodepressi, tra cui una signora in terapia antiblastica per tumore ovarico e con frequente leucopenia jatrogena per questo attualmente in corso polmonite , chiedo se esistano linee guida specifiche di comportamento gestionale di tali pazienti per evitare diffusione del batterio, e se , secondo lei, tali tipologie di malati possano essere ospitati in Residenza Sanitaria Assistenziale, che vede una presenza incostante di personale medico , oltretutto non specializzato, ed ha pazienti in massima parte anziani in riabilitazione post intervento ortopedico o eventi vascolari cerebrali, e comunque tutti in situazione di fragilità fisica .
Grazie per l'attenzione e la risposta che otterro'.
Danilo Guoacchini , Spoleto pg

LEGGI LA RISPOSTA

Epatologia

Salve

In merito ai rapporti sessuali in coppie sierodiscordanti in cui il partner positivo ha carica virale irrilevabile,vi sono stati negli anni casi di contagio tra partneral di fuori di casi -studioLo chiedo perché nonostante i risultati parzialidello studio partner rimango un pò scettico a riguardo.

LEGGI LA RISPOSTA

Altro

Gentile dottore vorrei sapere se in presenza di una parassitismo intestinale ascaridisia possibile avere nel sangue una lieve diminuzione dei valori dei complementi c3 e c4 ...grazie

LEGGI LA RISPOSTA

Malattie Sessualmente trasmesse

Buongiorno, vorrei una semplice informazione, se possibile.
E' possibile contrarre il virus dell'AIDS pulendosi con della carta igienica sporca eventualmente di liquido spermatico e/o vaginale infetto
Oppure è impossibile Dopo quanto tempo muore il virus a contatto con l'aria, o quantomeno, quando si inattiva
Cordiali saluti e complimenti per la piattaforma, molto utile

LEGGI LA RISPOSTA

Epatologia

Salve, volevo descrivervi la mia situazione riguardo una puntura di zecca. Passeggiando sentivo del bruciore all'inguine, all'inizio non ci ho fatto caso. Il giorno dopo prima di andare a letto ho voluto ispezionare la zona inguinale. Ho visto che c'era una zecca piccolissima attaccata. Mi sono recato al PS e dopo aver applicato una pomata mi hanno levato la zecca con successo. La dottoressa del ps mi ha detto che non hanno Antitetano e di controllare la temperatura corporea. E in caso di febbre prendere l'antibiotico. Adesso so che l'antitetano è difficile da trovare anche in farmacia. Vi chiedo cosa fare se non trovo l'antitetano e cosa aspettarmi del morso da zecca. Devo fare qualche cura particolare Grazie

LEGGI LA RISPOSTA

Epatologia

Salve Qualche giorno fa mia madre ha notato sul braccio una piccola macchia rossa che col passare del tempo si è ingrandita sempre di più, fino ad essere concircondata da un cerchio più chiaro, il tutto racchiuso in un unico cerchio rosso, a mo di bersaglio. Può essere che sia una puntura di zecca Se si, basta un crema locale oppure è necessaria la terapia antibiotica Lei non avverte altri sintomi se non un po' di prurito localizzato all'eruzione cutanea. Spero nelle vostre delucidazioni Grazie

LEGGI LA RISPOSTA

HIV-AIDS

Salve ,in una persona con HIV con carica virale non più rilevabile con valori HIV DNA 165 copie non rilevabile e conhiv RNA non rilevato da un anno, il mio sperma può ancora conteggiare sia in rapporti orali dati e vaginali Che rischio c'è Il mio infettologo dice che da quest'ultimo esame potrei avere rapporti sessuali non protetti e il rischio è nullo o quasi raro Vero O devo stare attento al mio sperma

LEGGI LA RISPOSTA

Malattie Sessualmente trasmesse

Salve gentili dottori, vi scrivo per un parere medico. Sono un ragazzo di 30 anni. A dicembre ho avuto un rapporto vaginale non protetto incompleto di breve durata. Da allora sono stato più bene. Dapprima due episodi di tonsilliti e febbre alta, poi a partire dalla terza quarta settimana una strana influenza con, inizialmente febbricola, mughetto in bocca, spossatezza e sensazione di gonfiore al palato molle senza dolore che poi ha portato ad un giorno di febbre a 40.5, sudorazioni notturne anche dopo che finisse la febbre, tosse, un paio di punti rossi sul glande e rush al cuoio capelluto riscontrato dal barbiere, io non mi ero accorto di nulla, non essendo pruriginoso. Passata la fase acuta mi è rimasta un malessere generale, una sensazione di infezione in corso costante sensazione di calore al volto, specie sulla fronte, occhi lucidi, febbricola, palato molle sempre gonfio che mi provoca un po' di disfagia , afte ripetute, spossatezza importante e più di recente dolore alle ghiandole dietro le orecchie.

LEGGI LA RISPOSTA

Epatologia

Buon giorno,
Sono stata punta da una zecca 3 giorni fa.
Ho cercato di rimuoverla ma mi è rimasto un puntino nero che ho disinfettato con Betadine. Dopo 36 ore non ho nessun arrossamento ma il puntino nero è ancora presente.
Aggiungo che non ho fatto recentemente i richiami anti-tetano.
Come devo procedere Devo per forza rivolgermi al pronto soccorso Visto le lunghe attese preferirei evitare se non fosse strettamente necessario...
Grazie mille.

LEGGI LA RISPOSTA

Epatologia

Hello

I'm from Ukraine. Now i'm in Rome.

I need to make test for hepatitis C.
Where is it possible to do in Rome


Thank you

LEGGI LA RISPOSTA

Epatologia

Sono un'insegnante di scuola materna e negli ultimi anni mi sento molto stanca e mi ammalo con sempre maggiore facilità.
Da bambina non mi ammalavo spesso a parte delle tonsilliti ricorrenti.
Dal 1994 al 1996 tonsilliti ricorrenti per stafilococco aureo
1996 infezione Mononucleosi HBV non diagnosticata e scambiata per tonsillite. Cura medica di cicli antibiotici per circa 6 mesi.
Dal 1996 al 2000 alla sera affaticamento e temperatura a 37,1 e 37,3
2004 tonsillectomia per tonsille criptiche durante il ricovero mi hanno trovato i valori CPK a 15126 e AST 226 e ALT 60, nei giorni seguenti i valori sono rientrati passando da 6369 a 2045 e infine 178.
Elettromiografia negativa.
2006 Polmonite virale
Dal 2006 al 2008 virus influenzali e virus intestinali continui e infezione da streptococchi ed eschelicchia coli
Dal 2009 al 2013 virus intestinali e aumento improvviso di peso 15kg in un anno. Seconda polmonite virale
Senso si stanchezza e affaticamento e 37,1 la sera.
2014 febbraio prima influenza reumatica post infettiva novembre seconda influenza reumatica post infettiva
In estate le analisi presentavano inversione linfocitaria e valori superiori alla norma riguardanti il fattore reumatoide.
Un reumatologo mi ha diagnostico una fibromialgia
2015 Settembre ricovero per sospetto Herpes Zoster al volto
Novembre infezione da Citomegalovirus poi è risultato negativo nelle successive analisi.
Gennaio Ricovero per bolle al corpo da Streptococchi dopo un viaggio in Thailandia
Positiva a Herpes Elisa
Dal 2016 al 2017 ricorrenti virus intestinali e presenza di Campylobacter nelle feci. Grave astenia e stanchezza. Cistiti ricorrenti e vulvovaginiti da Candida albicans e streptococco aureo. Ho contratto anche un papilloma virus HPV tipo 81.
Ad oggi dalle feci emerge un alterazione da Candida tropicalis.
Ho fatto anche l'esame del sangue vivo in campo oscuro perché,ad oggi, a causa della stanchezza che mi porto dietro e che, durante il periodo di scuola mi ammalo con molta facilità, non vivo bene.
Dalle analisi oltre il valore CPK che si alza e rientra emergono il fattore reumatoide intorno ai 27, 32 e poi rientra, allo stesso tempo la ipoglicemia e le proteine totali bassi che spesso presento nelle varie analisi rientrano nei livelli normali.
Vi chiedo cortesemente delle indicazioni riguardo al mio caso e gentilmente di essere inviata da qualche specialista.
Grazie.

LEGGI LA RISPOSTA

Epatologia

il batterio della sifilide può interessare la prostata e portare emospermia se si il batterio può errese rilevato con la spermocoltura

LEGGI LA RISPOSTA

Malattie del viaggiatore/ importazione

Buongiorno,

in seguito al morso di una zecca che è stata rimossa secondo le istruzioni raccomandate no alcol o simili , vorrei sapere se è necessario seguire una profilassi preventiva o aspettare e osservare la puntura e il suo eventuale evolversi o la sua estinzione naturale.

Ci Sono vostri opuscoli al riguardo
Colgo l'occasione per ringraziarvi da subito e rivolgervi i miei più cordiali saluti.

LEGGI LA RISPOSTA

Malattie del viaggiatore/ importazione

Buongiorno.

avrei bisogno di un'informazione. Da settembre fino a dicembre farò un viaggio in sud america. Da settembre a ottobre in ecuador, e più nello specifico a Esmeraldas, un paese del nord sulla costa.
Da novembre fino a dicembre Brasile e molto probabilmente anche alcune zone dell'Amazzonia.
Mi potete far sapere se mi devo fare delle vaccinazioni specifiche e se ci sono dei focolai attivi in quelle zone
grazie
Elena

LEGGI LA RISPOSTA

Malattie del viaggiatore/ importazione

Salve,
quanto tempo è necessario far passare prima di cercare una gravidanza dopo un viaggio ai Caraibi

Saluti

LEGGI LA RISPOSTA

Altro

Salve
Ho letto che in Italia vi sono il 10 di portatori
Sani di virus da meniningococco .

Cosa accade ad un portatore sano se viene vaccinato

Grazie

LEGGI LA RISPOSTA

Altro

Buongiorno,
sono alla 32esima settimana di gravidanza e scrivo perchè sono stata punta da una zecca presso un bosco Lazio. La zecca può aver sostato su di me circa 48 ore o poco più ed era del genere piccolo, marrone, con un guscio cheratinoso era minuscola e sgonfia. in concomitanza con la scoperta ho notato che avevo tante piccole bollicine simili a delle ecchimosi soprattutto sul tronco e sulle cosce. La zecca non è stata correttamente rimossa e mi sono recata al pronto soccorso dove con un ago hanno detto di voler ripulire da un eventuale rostro, togliendomi uno strato di cute che ora ha formato un'escara chiara Mi hanno prescritto amoxicillina 1 gr 2 volte al giorno per 5 giorni ed io ho appena completato il ciclo. tuttavia continuo ad essere allarmata dal fatto che continuano a comparire delle piccole bolle che prudono inizialmente per poi seccarsi, non sono molto rigonfie ne molto estese, sono direi puntiformi e di diversa grandezza. Queste bollicine vengono soprattutto sul tronco. Ad oggi sono passati 5 gg dalla rimozione.
Vorrei sapere:
-Queste bolle possono essere correlate alla puntura della zecca
-La profilassi antibiotica è efficace per le patologie batteriche trasmesse dalle zecche
-potrei trasmettere qualche patologia al bambino
- come dovrei procedere essendo in prossimità del parto non vorrei ammalarmi di febbre proprio nel periodo più critico ultime settimane di gravidanza.

LEGGI LA RISPOSTA

Malattie del viaggiatore/ importazione

Sono stata morsa da una zecca circa 15gg fa e farò ora gli accertamenti perché noto arossamento nel luogo della puntura. Sto però allattando quindi vorrei sapere se la malattia può eventualmente passare al neonato e se deve nel caso sottoporsi a cure antibiotiche e/o accertamenti anche lui. Vi ringrazio,
Giulia

LEGGI LA RISPOSTA

Epatologia

Stamattina abbiamo trovato una zecca nel padiglione auticolare di mio figlio di 4,5 anni. Sono almeno tre giorni che la zecca è lrwsente
Stiamo procedendo alla rimozione della stessa e vorremmo sapere cosa fare nei prossimi giorni.
Grazie e cordiali saluti,
Andrea

LEGGI LA RISPOSTA

Altro

Carissimi medici,
ho 66 anni e in seguito a disturbi digestivi, frequenti mal di testa e stanchezza, presenti da molti anni, ho effettuato un Gut Screening presso il laboratorio Valsambro di Bologna e lesame esame parassitologico delle feci con coprocoltura ha rivelato una positività per l ENTOAMOEBA HISTOLYTICA.
Vorrei gentilemte sapere da voi :
1Ho letto che è difficile distinguere lEntoameba Histolytica potenzialmente patogena e invasiva dallEntoameba dispar innocua e non invasiva. La cura è la stessa E come si fa a distinguerle in vista della cura
2E vero che il farmaco per la cura dellHistolytica è molto tossico e spesso fa stare piuttosto male
Io ho già problemi digestivi e alterazioni della flora intestinale e ho paura che possa peggiorare e danneggiare ulteriormente la mia situazione. Voi cosa mi consigliate
3Infine : come posso averla presa, se è da circa 15 anni che non vado allestero e, precedentemente, sono andata solo in Francia, Spagna, Olanda, Grecia, senza mai uscire dallEuropa Si può ammalarsi anche stando solo in Italia
4Possono trasmetterla i cani o i gatti
Oppure il pesce crudo soprattutto il salmone e le acciughe Che però io mangio solo dopo un congelamento di almeno 1 settimana
Oppure le uova col tuorlo pochissimo cotto

Vi ringrazio molto della vostra pazienza e gentilezza e vi prego di rispondermi, perché sono molto impaurita e in ansia per questo problema
Ornella Cortesi

LEGGI LA RISPOSTA

Altro

Buongiorno, avrei bisogno di un'informazione, il giorno 15 Aprile, durante una gita in una riserva del wwf, mia figlia di 9 anni ha sentito qualcosa dietro l'orecchio, si trattava di una zecca che ho rimosso con le mani. La parte non era arrossata e si vedeva solo un puntino in cui è fuoriuscito un po' di sangue. Il giorno 18 la porto dal pediatra, a suo avviso non vi sono residui ma per scrupolo mi suggerisce un controllo presso l'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma, anche lì mi rassicurano, cerchiano la zona in cui era stata punta, e mi dicono di monitorare la bambina per 45 gg, nel caso di arrossamenti , eritemi, febbre, ritornare.
Ieri mia figli avvertiva mal di pancia, e ha vomitato una sola volta, stanotte ha avuto un 'alterazione, 37.6.
In famiglia siamo tutti raffreddati , e non ci sono eritemi, rigonfiamenti o altro nella zona della puntura, questi episodi che io consideravo influenzali, possono invece essere sintomatici di un'infezione cosa mi consigliate di fare grazie mille

LEGGI LA RISPOSTA

Malattie Sessualmente trasmesse

Salve, volevo sottoporre questa mia preoccupazione ad un esperto... sostanzialmente, da perfetto imbecille, mi sono ubriacato e poi con poco sale in zucca sono andato con un transessuale... ho praticato attivamente sesso orale e passivamente sesso anale SEMPRE CON preservativo...durante i due atti ho ricevuto masturbazione manuale ed anche io indossavo comunque un preservativo... sono molto preoccupato a parte per la stupidaggine in sè ma non so cosa fare e come comportarmi... che rischi corro come mi devo muovere ora per stare tranquillo per favore ho bisogno di una rassicurazione e di qualche consiglio. grazie mille.

LEGGI LA RISPOSTA

Epatologia

salve sono stata in contatto con un uomo a cui è stata diagnosticata meningite, quindi mi hanno consigliato profilassi con ciproxin x un giorno.
potrei essere incinta,quindi vorrei sapere cosa comporterebbe l'assunzione del l'antibiotico, grazie

LEGGI LA RISPOSTA

HIV-AIDS

Buongiorno. Sono un ragazzo omosessuale di 32 anni. Circa 10gg fa ho avuto un rapporto non completo con un ragazzo conosciuto in un club durante un viaggio ad Hong Kong. Durante il rapporto la penetrazione è avvenuta inizialmente senza preservativo. Ho richiesto subito che venga utilizzato il profilattico ma mi preoccupa il fatto che all'inizio del rapporto la penetrazione sia avvenuta senza, anche se solamente per poco tempo. Non c'è stato contatto con liquido seminale.
Il ragazzo mi ha detto di essere negativo e che ha effettuato il test recentemente.
Dopo una decina di giorni da questo episodio mi è venuto il raffreddore e ho letto che i sintomi di un possibile contagio possono essere simili a quelli influenzali. Naturalmente so che è difficile associare i sintomi dell'influenza ad un contagio da HIV ma questa circostanza mi mette in apprensione.
Sono molto preoccupato perché i miei rapporti sessuali sono sempre stati protetti.
Vorrei avere un vostro parere e se consigliereste di effettuare il test HIV. So che il periodo finestra per considerare il test affidabile è di 3 mesi ma sono piuttosto preoccupato. Esiste un test che posso effettuare prima per riuscire a tranquillizzarmi
Attendo una vostra risposta quanto prima è vi ringrazio sin d'ora.

LEGGI LA RISPOSTA

HIV-AIDS

Salve,

volevo chiedere una domanda un po' specifica riguardo a un ipotetico contagio con ceppi rari o farmacoresistenti di HIV-1 o HIV-2.
Sono un ragazzo di 29 anni, sieropositivo HIV 1 da 5 anni, in cura con Eviplera, con carica virale stabilmente soppressa mai rilevabile, a partire da 30 giorni dopo l'inizio della terapia, 5 anni fa e una conta di linfociti CD4 che fino ad Agosto era di circa 1200. A cavallo tra Agosto e Settembre ho avuto un episodio di sifilide, diagnosticata subito TPHA era ancora negativo e subito trattata con negativizzazione del VDRL. Dopo questo episodio, oltre alla sintomatologia linfoadenopatica locale inguine della sifilide, che è venuta e se ne è andata poi col trattamento, ho avuto anche, all'incirca dopo 1-2 mesi dal rapporto, una sindrome simil-mononucleosica faringite linfonodi un poco ingrossati soprattutto sotto la mandibola, ma qualcuno anche al collo, ascella e inguine qualche linea di febbre sudorazione per una o due notti dopo la quale i linfonodi sono rimasti stabilmente gonfi. Non sono molto grandi, ma soprattutto sotto la mascella e anche un po' sparsi per il corpo ho qualche linfonodo che è rimasto ingrossato. La carica virale per HIV 1 è risultata sempre non rilevabile: a fine agosto, metà novembre e fine febbraio. La conta dei CD4, invece, a fine febbraio risulta 844 dal 1200 di agosto.

LEGGI LA RISPOSTA

Altro

buona sera, sono molto preoccupata perchè mio figlio di 28 anni è stato in campagna il 12 marzo ,poi dopo 3 giorni si è trovato sull'avambraccio una zecca che passeggiava e che prontamente ha fatto cadere e l'ha intrappolata per osservarla meglio.Non ha segni di punture sul corpo e il mio medico di base mi ha prescritto solo in caso di febbre un antibiotico BASSADO 2 volte al di..Ora vorrei sapere se dovrebbe fare qualche altro controllo per sicurezza

LEGGI LA RISPOSTA

Epatologia

Salve ho una nipotina di circa 1 anno che da quando e' nata respira sempre male con nasino che le cola e sempre curata con antibiotici a causa di continue bronchiti e polmoniti , da esami di sangue effettuati risulta che e portatrice del batterio haemophilus influenzae , la mia pediatra a parte l antibiotico nn ha fatto fare ulteriori visite. la pnmologa del pronto soccorso mi ha riferito sara sempre soggetta a bronchite.Mi chiedo che conseguenze le portera questo batterio presente nel suo corpicino quando verra debellato non ci sono ulteriori cure o esami da effettuare
Grazie del consulto Lidia

LEGGI LA RISPOSTA

Epatologia

buonasera per favore vorrei sapere se ci può essere un nesso tra una puntura di zecca e conseguente progressiva malattia definita in primo.momento parkinsonismo atipico in seguito definito atrofiamuscplaremultisistemica.ne soffre da anni una mia amica e nessuno ha preso.in considerazione questa ipotesi ci potete aiutare

LEGGI LA RISPOSTA

Altro

Buongiorno,
scusate il disturbo, ho una domanda da porVi: si può contrarre una malattia infettiva in particolare HIV e HCV attraverso un bacio sulla bocca se una delle due persone presenta un labbro lesionato da pochissimo tempo dai piccoli morsi che ogni tanto ci si dà e non sapendo dell'integrità delle labbra dell'altro soggetto

LEGGI LA RISPOSTA

Epatologia

Buongiorno, sono una ragazza di 36 anni, sono stata morsa da una zecca che ho trovato e rimosso con una pinza apposita da dietro il ginocchio destro, ieri sera. Dopo aver consultato il medico curante ed un veterinario vorrei se possibile avere Vostre indicazioni sul iter diagnostico che é opportuno seguire in questi casi. Le linee guida disponibili sul Vs sito riguardo il morbo di Lime, essendo in lingua inglese non mi sono di facile consultazione...Grazie per l attenzione, buona giornata

LEGGI LA RISPOSTA

Epatologia

Buongiorno, nel 2008 durante un viaggio di lavoro in Senegal ho contratto la febbre dengue complicata da epatotossicosi. Da quel momento ad oggi ho avuto 4 polmoniti e da poco mi è stata diagnosticata la fibromialgia. Faccio presente che fino al 2008 ho goduto di ottima salute e che nel 2006 ho effettuato tutta la profilassi vaccinale per i viaggiatori diretti nei paesi tropicali africani.
Gradirei sapere se il fatto di aver contratto la dengue potrebbe in qualche modo aver condizionato il mio sistema immunitario oppure se si sono già verificate correlazioni tra fibromialgia e malattie tropicali.

Ringraziandovi anticipatamente per l'attenzione porgo cordiali saluti.

LEGGI LA RISPOSTA

Altro

buonasera,
vi contatto per conto di mio padre anni 72,
è stato ricoverato per aver contratto la brucellosi,dopo vari esami viene anche riscontrato un quadro di spondilodiscite brucellare con raccolte ascessuali paravertebrali a carico di L2-L3-L4.
ha eseguito un programma di terapia antibiotica per un totale di 105 giorni i primi 60 giorni la terapia è stata fatta in vene con :
rifamoicina e gentamicina-e le compresse di bassado.
poi è stato dimesso è ha eseguito la terapia a casa.
la terapia antibiotica adottata è stata la seguente
doxiciclina e rifampicina.
alla scadenza dei 105 giorni 08/02/2017 è stata ripetuta la RM lombo sacrale ma la situazione risulta invariata rispetto alla precedente del 02/12/2016,e i medici hanno deciso di continuare il seguente ciclo terapeutico:
doxiciclina - ciprofloxacina - rifampicina.
vorrei capire se il protocollo medico adottato dall'ospedale policlinico reparto malattie infettive di Palermo è quello giusto.
grazie spero di aver sintetizzato al meglio il quadro clinico.
grazie.
maria concetta giannitrapani


LEGGI LA RISPOSTA

Altro

E' indicata la vaccinazione anti meningococco C per una donna di 24 anni mai vaccinata contro la meningite, sana, atopica

LEGGI LA RISPOSTA

Infezioni ospedaliere

Salve, premesso che sono diabetica, nel mese di agosto 2016 in seguito alla rimozione di un piccolo pezzo di vetro dall'alluce ho contratto in ospedale la klebsiella pneumoniae.
Tale batterio è stato evidenziato in un siero che fuoriusciva da una piccola fistola che si è aperta a mezzo cm dalla ferita originaria che nel frattempo si era chiusa, la fistola in seguito ad irrorazioni con acqua ossigenata a mezzo ago cannula si è definitivamente chiusa nel mese di dicembre, e non ho fatto in tempo ad effettuare le analisi del siero per verificare se ci fossero anche problemi di micosi visto che l'unghia del dito presenta onicomicosi. Oggi il dito è leggermente gonfio, non c'è dolore ma la pelle pur essendo integra rimane lievemente arrossata fino a circa metà piede. Il polso è stato rilevato da diversi medici ed essi affermano che la circolazione è ottima. Nella mia città non ci sono medici che si occupino di infettivologia quindi vorrei un vostro parere per capire a chi mi dovrei rivolgere per guarire definitivamente dalla mia infezione o se ci sono ulteriori accertamenti da effettuare. Grazie . Antonella

LEGGI LA RISPOSTA

HIV-AIDS

Buongiorno,
mi rivolgo a Voi per un autorevole parere in merito.

Mi sono sottoposto ad esami del sangue il 01/12/2016 a 31 gg. da un presunto episodio a rischio, con i seguenti risultati:
ANTI TREPONEMA IG TOTALI: assenti
Anti HIV-1 HIV-2: assenti
Anti HCV: assenti
HIV RNA copie/ML: non rilevabile
HCV RNA UI/ML: non rilevabile

Per scrupolo, ho voluto ripetere gli esami del sangue in data 31/01/2017 a 92 gg. dal presunto episodio a rischio, con tale esito:
Anti HCV: negativo
Anticorpi e antigene p24 HIV 1-2: negativo
Anticorpi reaginici RPR: assenti
TPHA: negativo

Non riesco tuttavia a stare tranquillo, anche perché ho notato una relativa incertezza sulla definizione del periodo finestra cè chi parla di tre mesi, chi addirittura di sei mesi
92 giorni corrispondono a tre mesi
Cosa mi consigliate di fare Mettermi il cuore in pace e considerare questa faccenda definitivamente chiusa
Vi prego, aiutatemi a fare chiarezza. Se necessario io il test lo ripeto Ma quando
Lo dovrei ripetere anche per lHCV e per la sifilide
Scusatemi, ma sono un po confuso
Grazie per lattenzione riservata, con i migliori saluti.

LEGGI LA RISPOSTA

Altro

Salve, sono al 7 mese di gravidanza. Ho un dubbio sulla toxoplasmosi,dopo un presunto contagio dopo quanti giorni si vedono negli esami del sangue anticorpi IgM e IgA Dopo quanto dal presunto contagio posso fare le analisi per stare tranquilla
Grazie

LEGGI LA RISPOSTA

Malattie del viaggiatore/ importazione

buon giorno
durante una mia ricerca sul web trovato questo prodotto farmaceutico per la profilassi antimalarica EURARTESIM SIGMA TAU e vorrei sapere se e come va assunto nel mio caso che partirò per la Cambogia il primo di febbraio e ritornerò il 30 giugno sempre 2017 e mi recherò all interno perchè come missionario laico.
Il 4 gennaio devo andare a fare le vaccinazioni classiche qui a milano all ASL PROFILASSI INTERNAZIONALI ma ho ravvisato una mancanza di preparazione per i casi come il mio ,ove mi fermerò molto di più dei 15gg di un turista
Potreste essere così gentili di darmi tutte le spiegazioni su questo farmaco e quando e quanto va preso :io ho 56 anni e peso 73 kg e non ho malattie particolari.
Qualora lei non potesse darmi queste delucidazioni per problemi di tempo mi potrebbe dire a chi mi posso rivolgere.
Tutti consigliano il malarone o il larian ma non mi sembra molto adatto per un soggiorno così lungo.
Spero di avere un suo supporto e colgo l occasione per farvi i mie auguri di un buon anno.
Vorrei anche abbi ungere che mi hanno consigliato di fare anche la vaccinazione per ENCEFALITE GIAPPONESE anche perchè la missione dove mi reco è a 100 km dalla capitale

grazie
cordiali saluti

Grazie

LEGGI LA RISPOSTA

Altro

buongiorno.
Le scrivo da Arezzo, Sono una madre 39enne che sta allattando il proprio figlio di 3 mesi, e non sono ancora vaccinata contro il meningococco C.

Volevo chiedere se e' consigliabile la vaccinazione antimeningicocco C della madre anche durante l'allattamento, considerando che in questo momento e' fonte integrale di alimentazione del bimbo.
Oppure se esistono controindicazioni relative al passaggio nel latte di qualche sostanza.

Chiedo inoltre se osti qualche vaccinazione che nel frattempo il bimbo sta effettuando esavalente, meningococco B, rotavirus.

Ringraziandola dell'attenzione porgo i miei
Saluti.

Teresa Cascianini

Inviato da iPhone

LEGGI LA RISPOSTA

Malattie del viaggiatore/ importazione

Buongiorno,
chiedo cortesemente di dare risconto alla presente quanto prima.
Ho prenotato da tempo un viaggio in Messico e la partenza sarebbe programmata per il gg 26/12/16. Le mete saranno Tulum e l'isola di Holbox a nord di Cancun.
Ho scoperto da poco di essere incinta e vedo che l'epidemia di zika si sta diffondendo. Non so come comportarmi e se sarò costretta ad abbandonare il viaggio non trovando notizie precise sulla reale minaccia della probabilità di contagio.
Sareste così gentili da fornirmi indicazioni precise sul rischio reale in quelle zone Colgo l'occasione per porgere i migliori auguri di Buon Natale e Felice Anno Nuovo.
Grazie, cordiali saluti.

Angelica Maritan

LEGGI LA RISPOSTA

Epatologia

Salve, dal mese di gennaio ho lo stafilococco aureo sia in gola che in vagina. Ho provato tanti antibiotici che dall'antibiogramma risultavano sensibili ma nulla perché c'è sempre. Il ginecologo, l'otorino e il medico di base mi hanno congigliato una visita dall''infettivologo. So che la prassi potrebbe essere le flebo somministrate in ospedale. Mi date conferma Nel mio caso come potrebbero intervenire

LEGGI LA RISPOSTA

Malattie del viaggiatore/ importazione

Salve, mio marito essendo stato in Africa sta assumendo il malarone, volevo sapere dopo quanto tempo dall'ultima assunzione possiamo pensare di avere un figlio senza mettere a richio la gravidanza dagli effetti del farmaco.
Grazie

LEGGI LA RISPOSTA

Altro

Solo una domanda..ho fatto l esame delle feci x i batteri la coprocultura...e risultata negativa.ma anche se non e l esame.del sangue occulto nelle feci se ci fosse stata traccia veniva segnalato per poi fare i dovuti approfondimentigrazie mille.

LEGGI LA RISPOSTA

Malattie Sessualmente trasmesse

Salve,

mi è stata diagnosticata una sifilide primaria per un rapporto protetto avuto gli ultimi giorni di Agosto. Avevo una singola ulcera sullo scroto, e linfonadenopatia inguinale bilaterale non dolente. I risultati del prelievo, effettuato il 3 Ottobre, erano VDRL 1:16 TPHA 1:8. Per terapia ho preso Doxiciclina 100 mg 2 volte al giorno per 12 giorni dal giorno del prelievo e fino all'arrivo dei risultati e quindi 2 iniezioni di penicillina G il 18 di Ottobre. Dal momento che al primo prelievo i test dovevano ancora positivizzarsi del tutto, il medico mi ha detto di fare il controllo dopo 3-4 mesi, perché altrimenti c'era la possibilità di riscontrare valori alti semplicemente perché si stavano positivizzando in quel momento. Adesso, a distanza di più di 2 mesi da quando i linfonodi inguinali si sono ingrossati, la linfoadenopatia inguinale persiste l'ulcera no, è scomparsa già da quando ho preso la doxiciclina. Volevo sapere se la persistenza della linfoadenomegalia dopo tutto questo tempo è normale, o se la vicinanza della terapia orale con doxiciclina all'iniezione di penicillina può aver inficiato il trattamento.

Un'ultima cosa: quando il medico mi ha consigliato anche di fare il test per l'HIV, io ho preferito, per rapidità e per bypassare eventuali periodi finestra, eseguire la PCR per HIV RNA in un laboratorio privato. Ho fatto l'esame 2 volte, e entrambe le volte il risultato era negativo nessuna copia rilevabile. Non mi ero reso conto però che l'esame ricerca copie soltanto per HIV-1, e non per HIV-2. Devo eseguire un test specifico anche per HIV-2 E se sì, quale

Grazie, e scusate il disturbo. Saluti

LEGGI LA RISPOSTA

Altro

Buongiorno.Ho una figlia di 14 anni che è in salute e viviamo a Torino. La mia domanda è: sarebbe consigliabile vaccinarla per il meningococco e se sì quali vaccini si possono utilizzare

Grazie per la gentile risposta

LEGGI LA RISPOSTA

Altro

Un portatore di protesi meccanica in sede aortica deve fare profilassi antibiotica prima di un' artroscopia o è sufficiente una rigorosa asepsi della cute, sterilità del campo operatorio e delle mani dell' operatore

LEGGI LA RISPOSTA

Altro

andando nei boschi dell'entroterra toscano romagnolo, penso di essermi imbattuto in un pizzico di zecca. a distanza di 5 giorni avevo un prurito crosticina all'avambraccio, a cui ovviamente non ho fatto casa, poi domenica tornando nei boschi, era caldo, e quindi maniche della camicia tirate su, tra i rami debbo essermi scorticato ancora..nello stesso punto ma a questo punto mi si è gonfiato poco ore dopo, come se fosse stato un pizzico di zanzara, poi con il passare dell more ho pensato ad un pappatacio, visto che era più grosso, o un ragno, ma ieri è cominciato a gonfiarsi e soratutto a diventare una macchia rossa come se fosse una bruciatura. io domenica gli ho messo sopra in abbondanza solo la amuchina per disinfettarlo. ieri poi sono andato in farmacia e mi hanno dett che poteva essere una zecca, ma ovviamente non c'è più a vista nessun segnale di pizzico solo una bolla rossa. E siccome un mese fa sono stato puntola una 10 decine di vespe, il farmacista e poi il dottore, mi hanno iniziato a a mettermi sotto copertura ANTIBIOTICA con du compresse di MIONOCIN 100 a leggere su INTERNET cosa può provocare la zecca dal morbi vari alla meningite c'è da avere paura. mi sapreste aiutare e consigliare il da farsi, anche perché tra un mese dovrei partire per un paese tropicale.. ah ah ah ah a grazi mille

LEGGI LA RISPOSTA

Altro

Salve una mamma di una bimba di 3 anni che può essere stata contagiata da una compagna di asilo che questa domenica ha manifestato i primi sintomi di varicella.Non avevo ancora fatto vaccinare la bambina e in seguito al consiglio del pediatra lunedì ha fatto la prima dose di vaccino che comunque non scongiura il pericolo di contagio .Il problema più grosso è che io sono incinta di 40 settimane venerdì ed anch'io sono risultata essere non immune alla varicella e quindi non potrò passare gli anticorpi al nascituro.
Mi risulta che né in gravidanza ne durante l'allattamento possa fare il vaccino e che le immunoglobuline non funzionino,è vero

LEGGI LA RISPOSTA

HIV-AIDS

Gentilissimi
Mi rivolgo ancora a voi. Domani avrei dovuto fare il test hiv dei 90 giorni, dopo quelli a 44, 57, 78, giorni negativi. Da una settimana ho una bronchite. Per tre giorni ho preso zitromax. Ora prendo una bustina fluimucil 600 al giorno. Ho ancora gli strascichi. Oggi ho sentito un infettivologo del Sacco di Milano e mi ha detto che le affezioni respiratorie, intestinali e febbrili possono dare risultati dubbi. Mi ha detto di aver visto gente avere questi risultati. Sono così ripiombata nello sconforto e ancora più nel terrore. Cosa mi consigliate Aspettare che la bronchite passi Ma lavoro in una scuola materna e la vedo dura o procedere nel fare il test Davvero il test può essere influenzato Vi ringrazio per la pazienza e Buon lavoro.

LEGGI LA RISPOSTA

HIV-AIDS

Buonasera,la contatto per chiedere se un contatto di sfregamento fra due glandi, senza la presenza di sperma ma eventualmente di liquido preeiaculatorio anche di pochi secondi è da considerare a rischio hiv... grazie per il servizio che date

LEGGI LA RISPOSTA

HIV-AIDS

Gentilissimi
dopo un rapporto vaginale non protetto, ho eseguito un test hiv antigene anticorpo dopo 44 giorni, risultato negativo. A 57 e successivamente a 78 giorni dal rapporto, ho eseguito alti test hiv antigene anticorpo, risultati anch'essi negativi. Ora a 80 giorni ho una forte tosse e il medico di base mi ha dato zitromax 500 x 3 giorni.
Possono essere questi sintomi di sieroconversione

LEGGI LA RISPOSTA

HIV-AIDS

Gentilissimi
dopo un rapporto non protetto ho effettuato un test hiv antigene anticorpo dono 43 giorni, risultato negativo. La dottoressa mi ha detto essere definitivo. A 57 giorni dal rapporto ho effettuato un nuovo test hiv antigene anticorpo risultato anch'esso negativo. Ora c'è chi dice che un test sia definitivo a 45 giorni e chi invece a 90. Sono molto in ansia e confusa per le diverse informazioni. Potete aiutarmi. Sono terrorizzata. Aspetto un vostro riscontro. Grazie infinite

LEGGI LA RISPOSTA

Malattie del viaggiatore/ importazione

Buongiorno,
sono a scrivervi per capire se è possibile avere qualche informazione di base rispetto al Virus Zika.
Tra novembre e dicembre sarò in viaggio per tre settimane tra Perù e Bolivia. Non ho in programma in quei giorni di fare tentativi di concepimento. Il buon senso e la prudenza mi impongono tale scelta, vista l'area geografica e la possibilità di contrarre il suddetto virus, con le eventuali complicanze ormai note. Tuttavia, dall'anno nuovo io e il mio compagno abbiamo messo in conto di iniziare a provarci. Il mio dubbio è questo: se io dovessi contrarre, da non gravida, il virus, quanto tempo dopo il mio ritorno potrei iniziare a mettere in cantiere una gravidanza Ovvero, una volta che il virus si prende e che poi passa, c'è un rischio anche per una gravidanza futura
Si hanno informazioni a riguardo
Nell'attesa di un riscontro, ringrazio per l'attenzione.

LEGGI LA RISPOSTA

Altro

Buongiorno, scrivo in merito alla toxoplasmosi: ho effettuato delle analisi
Nel 1992 con referto:
igG - classe 3 Positivo a medio titolo igM - classe 0 Negativo
Conclusioni: immunità pregressa.
Nel 1993 con referto:
igG - classe 4 Positivo ad alto titolo igM - classe 0 Negativo
Conclusioni: immunità pregressa.
E quest'anno, 2016 con referto: IgG 4 UI/ml igM assenti
Stato recettivo.
Mi chiedo se è possibile che abbia perso l'immunità
Grazie

LEGGI LA RISPOSTA

Epatologia

Salve mi chiamo Rosa,
sono trapiantata renale dal 2001 per un LES in più diagnosticata hcv + dal 1994, ora la mia gastroenterologa vorrebbe sottopormi ad un trattamento in DAA.Sono molto preoccupata su quali effetti collaterali potrei avere dato sono anche i trattamento con steroide 5mg al di tacrolimus Fk506 e del micofenolato.
Posso avere qualche rassicurazione
Grazie tante
Rosa

LEGGI LA RISPOSTA

HIV-AIDS

Buongiorno, mi è successo di pungermi con una graffetta pinzata male dall'impiegato di un ufficio, che ha cercato di sistemare. E se si fosse ferito prima lui Ho corso il rischio di contrarre qualche malattia Grazie per l'attenzione, cordiali saluti.

LEGGI LA RISPOSTA

HIV-AIDS

Buonasera,
premetto di essere affetto da disturbo ossessivo compulsivo da contaminazione HIV ed epatite in particolare. Detto questo, per porre un freno all'ansia che sconvolge la mia vita, ho deciso di fare un test NAT a 30 giorni da una presunta situazione di rischio. L'esito è da considerarsi definitivo oppure l'esame va ripetuto a distanza di tempo. Ho letto da qualche parte che il periodo finestra di un test NAT è in media di 12 gg. per l'HIV e di 11 gg. per l'HCV. Resto in attesa di una Vostra risposta in merito. Vi ringrazio anticipatamente e porgo i migliori saluti.

LEGGI LA RISPOSTA

HIV-AIDS

Salve, ho da porre un quesito che mi mette molta ansia. Ieri ho incontrato una donna africana della quale non so nulla,non parlava italiano. Mi ha fermato in quanto non riusciva ad avere un colloquio telefonico con un italiano non capendo la lingua, io mi sono fermata, ma lei, senza chiedere permesso, mi ha infilato in un orecchio il suo auricolare per farmi interloquire con la persona dall'altra parte del telefono. Tornata a casa mi sono lavata come faccio sempre e ho pulito anche le orecchie e dall'orecchio in questione mi è uscito del sangue. Credo di avere una lesione. La mia paura è che questa persona possa avere delle lesioni nelle orecchie,di conseguenza delle tracce di sangue sull'auricolare entrate a contatto con la lesione nel mio orecchio. In questo modo si trasmette l hiv O epatite Io non conosco le abitudini igieniche e sessuali di questa persona, farei questo discorso anche se si trattasse di un concittadino,ci tengo a specificarlo. Avrei preferito non mi mettesse auricolari perché ritengo che siano un oggetto personale dato che nelle orecchie si annidano germi exc. Aiutatemi per favore, ho paura.

LEGGI LA RISPOSTA

Malattie del viaggiatore/ importazione

Gentilissimi,
io e il mio compagno siamo tornati da ormai un mese dal Messico.
Fino ad ora nessuno dei due ha presentato sintomi da virus Zika.

Quanto dobbiamo aspettare prima di provare a concepire per essere tranquilli

Ho letto che se si manifestano i sintomi viene consigliato di attendere 6 mesi, mentre in assenza di sintomi si può cominciare a provare dopo 8 settimane.

Grazie in anticipo per la risposta

LEGGI LA RISPOSTA

Epatologia

Salve,
dove posso scaricare le linee guida della meningite
Grazie

LEGGI LA RISPOSTA

Altro

Salve sono Claudia Marchiori, vi scrivo con la speranza di ricevere una soluzione al mio problema. Sono una ragazza di 21 anni che sin da piccola ha sofferto di bronchiectasie, intolleranze alimentari in particolar modo di latte e derivati e più volte sono stata ricoverata per broncopolmoniti. Sin dalla nascita sono stata visitata da moltissimi dottori che non.hanno saputo trovare spiegazione alla mia situazione che tutt'ora peggiora. Un esame recente ha riscontrato nei miei polmoni la presenza di candidosi cronica. Mi è impossibile stare fuori casa per più di mezza giornata perché inizio a sentirmi male, mi viene da tossire molto catarro a livelli insopportabili e mi viene la febbre a 40. Una dottoressa dalla quale sono andata mi ha consigliato di prendere lo sporanox a mesi alterni, inizialmente la produzione di catarro è diminuita, ma poi è peggiorata. Ho bisogno di trovare una soluzione anche drasticia per debellare questa micosi

LEGGI LA RISPOSTA

Infezioni ospedaliere

Volevo sapere. L'istituzione del Comitato Infezioni Ospedaliere è obbligatorio in ogni struttura. Come agisce tale comitato Che obblighi ha nella segnalazione di insorgenza di infezione in un reparto ospedaliero

Grazie per la risposta.

LEGGI LA RISPOSTA

Malattie del viaggiatore/ importazione

Buongiorno, sono il sign Maulucci Giampiero volevo chiederle se avendo fatto il vaccino per il colera, ci sono controindicazioni per concepire un figlio.

Cordiali Saluti

LEGGI LA RISPOSTA

Epatologia

Sono Rosanna Mancini risiedo a Londra com mia Figlia Tarita 38 anni e nipote Kevin 16 anni.
Per Pasqua figlia e nipote hanno in programma di andare a Pistoia città di origine.per 10 giorni.
Come si devono comportare riguardo all allarme meningite
Quanto prima va fatto se va fatto vaccino da tutti e due
Qui per ora il dottore ha detto che si informava e se mai ordina vaccino,
Non sono preparati , almeno lui per ora.
Grazie in anticipo
Rosanna Mancini








18

LEGGI LA RISPOSTA

Altro

Buongiorno,
sono affetta da corioretinite bilaterale a seguito di infezione congenita da toxoplasmosi.
Vorrei conoscere il nominativo di un medico o di un centro nel quale sarebbe possibile effettuare esami specifici.
Ho recentemente letto degli ultimi risultati rivenienti degli studi effettuati su questo protozoo e vorrei conoscere i possibili eventuali danni oltre a quello già evidenziato, che possano aver interessato qualche altra parte del mio organismo.
Ringrazio e saluto cordialmente.

LEGGI LA RISPOSTA

Malattie del viaggiatore/ importazione

Gentilissimi,
scrivo per informazioni sul virus zika di cui attualmente si sa poco.
Mi sposo a fine maggio 2016 e stavamo prenotando un viaggio negli stati uniti e in Messico.
Dico stavamo perchè mi sono bloccata dopo aver saputo che la zika si trova, e ha causato danni anche alle donne incinte del Messico.
Non sono incinta ma vorrei sapere se ci sono rischi anche per chi viaggia vorrebbe intraprendere una gravidanza a breve.
Avendo già 38 anni pensavo di iniziare a tentare una gravidanza subito al mio rientro dal viaggio di nozze. Ma nel caso venissi punta dalla zanzara, quanto tempo dovrei aspettare per poter concepire Ho letto di 28 giorni ma anche di sei mesi di attesa Sinceramente non potrei permettermi di posticipare cosi a lunga il concepimento... sarebbe meglio cambiare meta per il viaggio Ci sono notizie certe su quanto bisogna attendere prima di avere un bimbo una volta punte Grazie mille per la risposta

LEGGI LA RISPOSTA

Malattie del viaggiatore/ importazione

Buongiorno, mia moglie ed io dal 16 20 febbraio 2016 abbiamo soggiornato in Tanzania nei parchi Ngorongoro e Centro-sud Serengeti.
Nonostante le precauzioni adottatte siamo stati punti da zanzare e nel Serengeti abbiamo subito anche due punture ciascuno da mosche tzetze.
Trattandosi di zone turistiche non avevamo adottato alcun tipo di profilassi antimalarica e non era prevista la presenza di mosche tzetze.
Siamo rientrati in Italia da due giorni, stiamo bene non accusiamo alcun sintomo. Anche le due punture delle mosche tzetze non hanno lasciato alcun segno sulla cute schiena e gamba. Ritenete sia opportuno qualche esame preventivo oppure solo in presenza di eventuai successive sintomatologie ed in questo caso quali in particolare . Vi ringrazio anticipatamebte e porgo cordiali saluti. Giuliano

LEGGI LA RISPOSTA

Malattie del viaggiatore/ importazione

Buongiorno,
sono un assistente di volo.
Mi reco in Brasile per lavoro quasi tutti i mesi, ho sentito parlare del virus della zanzara Zika.
Al momento non sono gravida, ne' sto cercando una gravidanza, però mi piacerebbe magari cercare un bimbo a partire dall'anno prossimo.
Vorrei sapere a tal riguardo: se ora venissi punta da questa zanzara quanto dovrei aspettare per considerarmi fuori pericolo per cercare un eventuale gravidanza
Una volta che si viene contagiati, il virus quanto può rimanere in circolo Per anni o mesi
Vi ringrazio della vostra cortese attenzione,
in attesa di un vostro riscontro, vi auguro una buona giornata,
Silvia

LEGGI LA RISPOSTA

Malattie del viaggiatore/ importazione

Buongiorno. Da qualche anno soffro di stanchezza, febbricola 37,2, mi spesso gira testa. Ho avuto pielonefrite. Ho fatto vari cicli di antibioticiofloxicina,levofloxacina,ampicilina,ciprofloxacina,tetraciclina,metrodiazolo,claritromicina Ho fatto tanti esami. Da inizio avuto alti ig M Chlamidia pneumonia, senza avere problemi con polmoni. Leicociti sono sempre nella norme, anche se ho febbricola. Quelli esami lei mi puo consigliare.
Grazie

LEGGI LA RISPOSTA

Malattie del viaggiatore/ importazione

Gent.mi,

io e il mio compagno abbiamo preventivato un viaggio in Nicaragua dal 16 al 31 maggio 2016. I biglietti aerei sono stati acquistati in tempi non sospetti relativamente al virus zika. La compagnia aerea non ci rimborsa l'importo pagato in caso di annullamento. Se decidiamo di partire e nonostante le misure preventive, contraiamo il virus, quali sono le misure da adottare prima di decidere per una gravidanza una volta tornati Soprattutto quali sono i tempi tecnici da rispettare prima del concepimento Grazie per la disponibilità.
Pia

LEGGI LA RISPOSTA

Malattie Sessualmente trasmesse

Buongiorno Dottori

Avendo HSV2 da 13 anni con in media 5 recidive all' anno volevo conoscere se e quali di queste affermazioni sono vere:
- lo shedding asintomatico è circa 1l 13 l'anno
- il 60 di tale shedding si verifica nei giorni antecedenti o posteriori a una recidiva
- il 65 del 40 rimanebte di tale shedding quello non in concomitanza con una recidiva dura in media un giorno.
Vi ringrazio in anticipo
Carlo

LEGGI LA RISPOSTA

Malattie del viaggiatore/ importazione

Il 26-01-2016 son stato sottoposto ad esame di urocistoscopia.. Mi è stato consegnato il referto con il consiglio di effettuare visita presso malattie infettive. Questo consiglio è dovuto al fatto che sono state repertate io metterei tramite fotografia formazioni vermiformi a livello della parete posteriore e perimeatale di sinistra. Un urologo sospetta parassitosi da Achinoccocco. Si sospetta anche Schistosomiasi.
Vorrei inviarvi le fotografie che io ho fatto delle immagini allegate al referto,in modo che possiate valutarle.
Saluti.

LEGGI LA RISPOSTA

Malattie del viaggiatore/ importazione

Salve , da un recente esame parassitologico mi è uscita la seguente diagnosi infezione endoluminale da Entamoeba hystolitica-entamoeba dispar accertata all'esame diretto.Infezione endoluminale da Entamoeba coli accertata all'esame diretto. Il tutto è pressochè asintomatico se non i soliti sintomi riferibili a un colon irritabile. Da una colonscopia effettuata 2 anni fa per un sospetto Crohn si era rilevata la presenza di ulcere aftoidi e infiltrati nelle placche del peyer si era però esclusa l'origine autoimmune delle stesse di natura aspecifica che a questo punto , a mio parere , potrebbero essere originate dal parassita. Viaggio spesso in zone tropicali e presumo comunque di avere l'infezione da parecchio essendo comunque alcuni anni che soffro di questi problemi.
sO che la diloxamide furoato , farmaco di elezione per le forme silenti non è più in commercio in Italia quindi l'unica terapia sarebbe a base di metronidazolo
A questo punto volevo chiederle gentilmente nominativo di qualche medico esperto in materia nella zona Milano-Pavia-Como..e se eventualmente si consiglia anche esame ecografico epatico.
Grazie

LEGGI LA RISPOSTA

Malattie del viaggiatore/ importazione

Salve, sono un biologo italiano che in questo momento risiede a Capo Verde, africa occidentale. Da ottobre nel paese è in corso una epidemia del virus ZIKA, vettore sono le zanzare del genere Aedes. Nella città in cui risiedo ci sono stati già 4.000 casi registrati, ma si tratta probabilmente di una forte sottostima del numero reale, perchè data la debole sintomatologia della malattia, la gente tende a non andare più allospedale e a curarsi come hanno fatto gli altri prima di loro. con tutta probabilità in città la popolazione colpita è già abbondantemente oltre il 10-15. Ho scoperto da una settimana che la mia ragazza è incinta, quindi è al secondo mese di gravidanza. Due giorni fa leggendo su internet, ho scoperto che in brasile, dove questa malattia è arrivata a maggio del 2015 e ha già contagiato centinaia di migliaia di persone, hanno registrato in soli 6 mesi 1.760 casi di bambini nati con microcefalia contro i 50/150 della media annua e sembra che ci sia una correlazione diretta tra il numero di casi di zika e quello dei bambini nati con questo tipo di malformazione. Dai dati di una epidemia analoga in polinesia del 2014, si è dedotta la stessa cosa. Le statistiche fanno paura. Dieci giorni fa, lOMS ha lanciato lallarme sul virus ZIKA. Le mia ragazza non ha mostrato finora sintomi della malattia, ma ho letto che la malattia può essere asintomatica anche nell80 dei casi Ora siamo super attenti con tutte le misure protettive per le zanzare e a breve ci trasferiremo in una isola dove il virus non è ancora arrivato, almeno finché i numeri dellepidemia non si placheranno, ma vorrei assolutamente farle fare un test per i flavivirus per verificare che effettivamente in questi due mesi non abbia contratto la malattia senza mostrarne sintomi. Nel paese questi test non sono disponibili, e lei non ha passaporto, ne visti per lespatrio che richiederebbero almeno 2-3 mesi prima di essere pronti. Non so che pesci pigliare. Potete darmi qualche suggerimento soprattutto vorrei capire quale è la probabilità di nascite con microcefalia da madri che hanno contratto lo ZIKA durante la gravidanza e quale è la di pazienti asintomatici di questa malattia. almeno questi sarebbero dei riferimenti molto importanti. grazie.

LEGGI LA RISPOSTA

Malattie del viaggiatore/ importazione

Gent. SIMIT,
A gennaio andrò 3 mesi in Tanzania per uno stage, precisamente a Dar es Salaam. Principalmente passerò il mio tempo in città, ma vorrei visitare nel tempo libero anche Zanzibar e magari fare un safari. Dato il lungo periodo di soggiorno, nessuno sa consigliarmi cosa devo fare per proteggermi dalla malaria, senza dovermi spaccare il fegato o vedere elefanti che volano.

Cordialmente,
Laura

LEGGI LA RISPOSTA

Malattie del viaggiatore/ importazione

Salve, sono stata in Tanzania per volontariato per 9 settimane, non ho effettuato profilassi antimalarica, sono rientrata il 27 settembre. Ho avuto un primo episodio febbrile durato due giorni con temperatura mai superiore a 37.5 due settimane fa. Oggi ho avuto nuovamente la febbre: partita da 37.3 è arrivata a 38.6 senza scendere. Come altri sintomi ho: mal di testa, tosse, brividi, nausea, mal di pancia a momenti alterni, mancanza di appetito, debolezza. Il mio medico su famiglia è irraggiungibile, mi sono recata alla guardia medica. La dottoressa di turno mi ha visitata constatando che bronchi, cuore e gola sono liberi.
Ho chiamato il reparto di malattie infettive a me più vicino chiedendo come ci si muove in questo caso. Mi è stato detto che il test per la malaria non è un esame di urgenza e che si partirebbe con radiografia al torace, emocromo, ricovero in malattie infettive e poi test. Mi ha detto che non ho altro modo di fare il test se non con il ricovero.
Vorrei sapere se, in Puglia, non ho altre soluzioni. Come posso effettuare il test senza ricovero Possibile che il territorio rimandi semplicemente solo all'ospedale Ci sono linee guida o disposizioni ministeriali o regionali che potete indicarmi sull'iter diagnostico terapeutico in sospetta malaria
Grazie

LEGGI LA RISPOSTA

Altro

Buongiorno
La contatto per chiederle cortesemente un parere su un problema di cistite che mi è venuto circa 10 gg fa.
Premetto che ho 40 anni, sono in salute, non prendo farmaci,faccio una buona attività sportiva credo pertanto di non essere immunodepresso. In passato mi ricordo di aver avuto un episodio di cistite solo una volta molti anni fa che avevo risolto prendendo delle pastiglie che mi aveva dato il medico.

10 giorni fa andando in bagno ho avvertito bruciore abbastanza intenso mentre urinavo con fuoriuscita di sangue insieme all' urina. Avevo necessità di andare in bagno più frequentemente e Il bruciore era localizzato sul pene specialmente sulla punta e lievemente anche sull' ano. Non ho dolori o fastidi per ora a livello addominale.

Per 2 giorni ho preso una bustina di monuril il bruciore era diminuito e non c'era più presenza di sangue nelle urine. Purtroppo dopo aver smesso il monuril tempo 2/3 giorni e il bruciore con presenza di sangue si è ripresentato.

Ora da 4 giorni sto prendendo 1 compressa al giorno di ciproxin 500 compressa rivestita e ho fatto le analisi delle urine dalle quali è risultata la presenza di citrobacter freundii e klebsiella pneumoniae.
In questi 4 giorni, anche se mi sembra che non ci siano più tracce di sangue nelle urine, il bruciore è diminuito ma non scomparso.

Dovrei smettere la terapia al sesto giorno cioè lunedì 30 novembre ma mi sto chiedendo se tale terapia è indicata e specifica per i batteri che sono stati riscontrati in quanto ho la sensazione che tale terapia non sia risolutiva e che con probabilità la prossima settimana tornerà il bruciore e tracce di sangue.

Le sarei grato se potesse darmi un Suo cortese parere, dirmi come procedere e con quale terapia.

Non so se possa essere utile ma circa un mese fa, facendo una gita in montagna mi è venuta un po di bronchite da bambino ho avuto una broncopolmonite e sono stato in ospedale un mese e mezzo che forse non ho curato bene perché ho sempre un po' di tosse secca che mi sto trascinando dietro da circa un mese non so se questo possa influire con il problema che mi è venuto

Ho anche un cane non so se tra uomo e animale si possano trasmettere i batteri in questione

Rimango in attesa di Sua cortese risposta
Grazie
Luca Linari
Via Corsica 1
Tel 3289473558

LEGGI LA RISPOSTA

Epatologia

Salve... ho avuto 3 anni fa la sifilide e l ho curata adesso é ritornata senza aver rapporti con persone che hanno sifilide.. come mai Può tornare da sola Anche non avendo rapporti Grazie di cuore...

LEGGI LA RISPOSTA

Altro

Buonasera,

ho una bimba di 4 1/2 anni che ha un infenzione alle vie respiratorie. I risultati del bronco aspirato hanno trovato l'Emofilo Influenzae. Trascorsa una settimana la bambina stava ancora male nonostante la terapia con pouf di ventolin, e nel fine settimana ha anche avuto la febbre sui 38.6. Alla visita di ieri con il Pediatra è venuto fuori che la bambina ha una broncopolmonite a sinistra nonostante fosse sotto antibiotici da 3 giorni. Inoltre da una PCR ed emocromo fatti lì in studio è venuto fuori che avesse 10000 globuli bianchi e i neutrofili alti. La lastra in ospedale la settimana prima non presentava alcun segno.

Sta facendo una cura di 10gg con Neoduplamox, volevo esser certa che sia giusta la strada che stiamo percorrendo ora, e che la bambina non debba fare ulteriori accertamenti, dato che già a luglio aveva avuto una broncopolmonite sempre a sinistra.

Ringraziandovi invio cordiali saluti.

Simona

LEGGI LA RISPOSTA

Epatologia

Salve.mio marito dopo aver fato analisi a scoperto di avere streptococco emolitico di gruppo B.io invece sono risultata sana.come si fa a prendere questo bacterio,e come mai io invece no.e come curare o prevenire Grazie .analisi del pene .

LEGGI LA RISPOSTA

Altro

Buongiorno,

A mio padre hanno appena diagnosticato tramite tac e pet un adenocarcinoma del corpo del pancreas con secondarismi epatici e linfonodali, sembra strano ma il problema non è questo in quanto i diversi oncologi che abbiamo contattato hanno espresso l'opinione che la chemioterapia possa dare dei buoni risultati.
Mio padre da circa un mese ha febbre soprattutto pomeriana che reggiunge temperature molto alte 38,8 39,3.
A casa è stato trattato con tavanic ma la febbre non è scesa.
Durante il primo ricovero in medicina interna è stato trattato con diversi antibiotici infusi con pompa infusionale tazocin+ flebo di levofloxacina poi l'infettivologo in consulto ha sospeso l'antibiotoco e intrapreso il cortisone medrol infatti la febbre è scesa dopo 2 giorni di trattamento.

LEGGI LA RISPOSTA

Malattie del viaggiatore/ importazione

Paziente con trapianto cardiaco quindi immunospppresso
Riscontrata infestazione intestinale da cryptosporidium.
Nessun viaggio all'estero.
Prescritto 10 giorni di paramomicina 3 grammi.
Passati i 10 giorni
Vomito e crampi sono cessati ma continua ad avere 5/7 scariche giornaliere.
Ad oggi si idrata autonomamente , comincia lentamente ad alimentarsi....
Assume integratori della flora intestinale.
Che fare quanto tempo può ancora durare oggi siamo al ventesimo giorno .... inizialmente le scariche erano 30/40.
Grazie.

LEGGI LA RISPOSTA

HIV-AIDS

un mio paziente, omosex, sieropositivo dal mese di marzo 2012, ha sempre presentato una conta di CD4 compresa tra 300 e 400 cell/ml prima determinazione 400, con una carica virale che da 26.265 4.42 log copie nel 2012, si è andata spontaneamente assestando sulle 200 copie. Visto il progressivo calo dei CD4, la propensione del paziente ad iniziare una terapia, e l'impossibilità di procedere nella mia Azienda a test di resistenza con bassa carica virale, è consigliabile rivolgermi ad un Centro in altra regione per test di resistenza, oppure posso iniziare al buio la terapia e in questo caso, con che cosa

LEGGI LA RISPOSTA

Infezioni ospedaliere

Salve a tutti.
Mia moglie,infermiera profesionale,a curato un paziente che non a dichiarato che e infestato con il virus Tbc.Doppo i analisi
e uscito risultato positivo e tutti infermieri ha mo fatto esami di sangue.Mia moglie risulta che e portatore dell virus.
Vorei sapere cortesiamente se lei e in pericolo di sviluppare la malattia.
Ringrazio profondo.

LEGGI LA RISPOSTA

Epatologia

Salve, da una settimana sono tornata da un viaggio di 15 giorni in Tanzania. Al ritorno ho avuto qualche fastidio intestinale, ma niente di anormale. A una settimana dal ritorno in Italia il mio compagno sta avendo forti diarree e febbre a 38.5 circa. Sta prendendo normix e tachipirina e occasionalmente antispasmina colica quando i dolori sono più intensi. Prima di partire abbiamo fatto diversi vaccini : tifo, colera, meningite, febbre gialla e epatite A, inoltre per tutta la durata del viaggio e fino a una settimana dopo abbiamo preso il Malarone per la profilassi anti malarica. Mi chiedevo se in qualche modo la sua malattia potesse essere collegata al nostro viaggio o se è trascorso già troppo tempo. Ringrazio in anticipo, cordiali saluti,
Nesi Sheila

LEGGI LA RISPOSTA

Altro

Buongiorno. Ieri durante una depilazione pubica con rasoio elettrico, ho accidentalmente causato un taglio allo scroto, da cui è uscita per qualche secondo una sostanza biancastra dopodiché del sangue. Ho disinfettato prima con dell'acqua ossigenata poi con dell'alcool denaturato ed ho applicato un cerotto. La fuoriuscita di sangue non è stata abbondante. Dopo aver applicato il cerotto è uscito altro sangue, ma sempre in modiche quantità. Questa mattina ho tolto il cerotto, ho disinfettato con dell'alcool denaturato e ho riapplicato un altro cerotto. Sangue non ne esce più, ma il taglio è, per così dire, ancora fresco. Non si è formata la crosta. Cosa mi consiglia di fare La ringrazio anticipatamente.

LEGGI LA RISPOSTA

Altro

salve sono un medico urologo. gli infettivologi dl mio ospedale mi dicono che la terapia intramuscolo in caso di restistenza a farmaci per os non e efficace anzi dannosa a causa dell'incerto assorbimento. e quindi indispensabile la terapia ev
me lo confermate questo

LEGGI LA RISPOSTA

Malattie del viaggiatore/ importazione

Buongiorno
il 17 agosto partirò per il Perù con un viaggio organizzato che prevede la visita alle seguenti città e aree LIMA, PARACAS, NAZCA, AREQUIPA, PUNO, ISOLA DEL SOLE LAGO TITICACA,CUZCO, VALLE SACRA DEGLI INCAS E AGUACALIENTES, volevo sapere se siano necessarie delle vaccinazioni, considerando che la maggior parte delle località sono ad altitudini elevate e, se sì, dove posso farle nella città di Roma.
Grazie infinite
Maria Luisa

LEGGI LA RISPOSTA

Malattie del viaggiatore/ importazione

Buongiorno,
mi chiamo Ureni Susanna, sono italiana ma residente in Kenya esattamente in un area rurale vicino la cittadina di Naivasha. A fine maggio ho iniziato ad avere fastidio alla gola e all'orecchio sinistro come se avessi preso fresco. Niente di grave infatti presi soltanto qualche Oki o Aulin. Dopo due settimane iniziai a preoccuparmi e il dolore all'orecchio la notte era forte. Ho iniziato un percorso di analisi e specialisti sia in Kenya e attualmente in Italia sono a Livorno. Tac, ecografie, tamponi, analisi del sangue tutte negative. Sono sotto cortisone attualmente e non ho dolore ma da quando ho dimezzato la pasticca avverto già un po' di fastidio all'orecchio. Per cortesia avete qualche suggerimento da darmi Il cortisone lo terminerò tra 3 gg.
Grazie
Susanna Ureni

LEGGI LA RISPOSTA

Altro

Salve, sono uno studente di medicina del VI anno, vorrei specializzarmi all'estero, sapete consigliarmi quali sono i migliori centri di Malattie Tropicali ma anche infettive in Europa

LEGGI LA RISPOSTA

Epatologia

Quale comportamneto profilattico è logico avere per una giovane signora accidentalmente puntasi con ago usato per somministrare insulina nel sottocutaneo del padre epatopatico hcv positivo con cirosi ed HCC avanzato
cordialità
enrico lo monte MMG

LEGGI LA RISPOSTA

Altro

Nel dubbio di una potenziale infezione tetanica in un giovane edile di 33 anni nato nel 1983, due anni dopo la legge di obbligatorietà della vaccinazione per il tetano nei neonati per una ferita penetrante con minima lesione superficiale e ritenzione radiologicamente accertata di una scheggia metallica a 2 cm dalla cute nella gamba in paziente con pregressa grave reazione allergica alla puntura di ape trattata con adrenalina in PS Ospedaliero, e con stato immunologico per il tetano non noto, è indispensabile l'uso delle gammaglobuline antitetaniche insieme ad una dose di richiamo del vaccino antitetanico e alll'uso di metronidazolo 750 mg per tre per cinque giorni
Dopo quanti giorni dalla somministrazione del vaccino antitetanico, qualora si rendesse necessario per ferita fortemente sospetta l'uso, possono essere somministrate con efficacia le immunoglobuline per il tetano senza compromettere l'efficienza della dose vaccinale di richiamo

LEGGI LA RISPOSTA

Altro

Buonasera vi scrivo perchè presento una recidivazione sintomatologica causata da stafilococco aureo.
Sono stato in vacanza in Repubblica Dominicana per un mese e sono tornato in Italia il 19 febbraio.
Ad aprile si è manifestata una pustola sul braccio che mi è stata drenata in anestesia locale attribuita a puntura di insetto e ho seguito un trattamento con augmentin per una settimana.
A maggio le pustole si sono ripresentate nuovamente e sono stato curato con augmentin + dalacin per 12 giorni.
Alla visita di controllo del 18 giugno sono stato dichiarato guarito ma le pustole si sono manifestate nuovamente negli ultimi giorni con febbre e diarrea, pertanto ho effettuato un tampone cutaneo + antibiogramma da cui risultano presenti numerose colonie di stafilococco aureo.
Sono molto preoccupato perchè la mia compagna presenta gli stessi sintomi e vorrei intraprendere una cura efficace risolutiva per entrambi.
A chi posso rivolgermi
Grazie.

LEGGI LA RISPOSTA

Epatologia


Sono un pediatra in pensione e desidererei un consiglio su come procedere nel caso di mia figlia di 22 anni affetta da spondiloartrite assiale non radiologicamente evidente che non risponde alle terapie con Fans, per cui, prima di procedere al trattamento con gli anti TNF, sono stati eseguiti, tra gli altri esami, anche i marker dell' epatite B. L'antigene HBs AU è negativo ma pure gli Anticorpi Anti HBs sono pari a zero, pur essendo la paziente stata regolarmente vaccinata con Engerix B tre dosi nella prima infanzia: Come procedere

Franco Cazzulo
tel 0143 83 00 88

LEGGI LA RISPOSTA

Altro

Salve,volevo un informazione molto importante,una settimana e mezzo fà mia mamma di 48 anni mangiò delle alici crude tenute sotto aceto per un 4-5 ore,dopo aver ingerito una piccola quantità ha avvertito un disturbo di nausea e dopo nemmeno un ora andò a vomitare,per 4-5 giorni è stata con forti dolori addominali e con diarrea,intanto all'inizio prese buscopan,poi plasil e ora ha fatto una cura di 5 giorni con il normix e caleidon,in questo tempo ci uscirono bollicine per il corpo e forte prurito,ora si è tolto anche il prurito e le bollicine ma ha i piedi un pò gonfi e si è tolto anche il senso di nausea e la diarrea,leggendo su internet ho visto che potrebbe essere a causa di un parassita di nome Anisakis,volevo sapere se questo parassita muore ora che non avverte più nulla o dobbiamo andare in qualche ospedale per ulteriori controlliPer favore è una cosa urgente.

LEGGI LA RISPOSTA

Malattie Sessualmente trasmesse

salve sono fidanzata da 7 anni..ultimamente abbiamo provato a farlo senza preservativo , lui è sano e io idem però negli ultimi mesi facendolo senza preservativo ho avuto delle infezioni urinarie ..ho fatto l'urinocultura e ho visto che erano presenti dei batteri abbiamo smesso di farlo senza preservativo. due settimane fa ho avuto un bruciore e prurito nella zona anale il quale mi sono uscite varie bollicine, ho pensato a herpes , adesso mi sono passate e on ho nessun sintomo però ho paura di avere un batterio o qualcosa del genere. che tipo di analisi dovrei fare per vedere se ho batteri o no nella zona soggetta.

LEGGI LA RISPOSTA

Altro

Oggi andando a urinarie ho visto perdite nere vaginali le mestruazioni mi sono finite da qualche giorno devo preoccuparmi non mi è mai capitato

LEGGI LA RISPOSTA

Altro

Mio figlio è risultato positivo al tampone faringeo per lo streptococco beta emolitico di gruppo A, asintomatico vi chiedo se è necessario l'isolaamento o può frequentare la scuola.
Se sì, è necessario un certificato da parte del Pediatra
Premetto che nel mio paese è in atto una vera e propria psicosi da streptococco.

LEGGI LA RISPOSTA

Malattie Sessualmente trasmesse

salve siamo una coppia sposata da 20 enne da un po di tempo mia moglie fa i rapporti orali senza profilatico con ingoio i rapporti sempre scoperti abbiamo fato volevo sapere se ci sono dei rischi premetto che ultimamente abbiamo fato annalisi del sangue che risultano buone grazie in anticippo della vostra risposta

LEGGI LA RISPOSTA

Altro

Buongiorno,mi capita spesso di conversare con amici che sostengono che viviamo in una società troppo pulita e questo fatto sarebbe dannoso per lo sviluppo del sistema immunitario,io sostengo che non sia così pur riconoscendo l'importanza del contatto con virus e batteri per lo sviluppo del sistema immunitarioe che in realtà pur con tutte le attenzioni del caso entriamo comunque a contatto coi suddetti agenti infettivi.Chi ha ragione Grazie per l'attenzione,cordialmente Roberto Melis.

LEGGI LA RISPOSTA

Altro

Egregi Dottori,
sono a chiederVi un chiarimento per mio Papà, 58enne, che in passato ha goduto di ottimo stato di salute. A novembre 2014 è comparsa sul suo viso una fistola infetta, estesa su tutta l'area mascellare e labiale destra ed a dicembre 2014 è stata diagnosticata una polmonite da stafilococco aureo con un importante versamento pleurico ed un versamento pericardico secondo i Medici Ospedalieri che lo hanno avuto in cura, dunque, lo stesso batterio parrebbe responsabile sia della fistola sul viso che dei problemi respiratori legati al versamento pleurico. Per tale patologia è ancora in corso la cura antibiotica. Tra fine febbraio ed inizi di questo mese ha accusato una neoformazione del cuoio capelluto, rimossa chirurgicamente 15 giorni fa con intervento in anestesia locale, ed il cui esame istologica riporta frammento di cute ulcerata sede di flogosi acuta e cronica ascessualizzata coinvolgente il derma e l'ipoderma, associata a colonie batteriche ed ife con spore fungine.
Secondo la Vostra esperienza, possono esserci legami tra le due patologie Ed in ogni caso, delle infezioni così ravvicinate nel tempo possono costituire indice di compromissione del sistema immunitario nel suo complesso Il chirurgo che ha rimosso la neoformazione del cuioio capelluto e l'istologo che l'ha esaminata ritengono che le difese immunitarie siano fortemente compromesse: cosa ne pensate
Debitrice nei Vostri confronti, Vi ringrazio sin da ora di vero cuore per il tempo che avrete voluto dedicarmi..

LEGGI LA RISPOSTA

Malattie del viaggiatore/ importazione

Buongiorno,
sono rientrata da un paio di giorni da un viaggio nello Sri Lanka.
Quando viaggio cerco di fare il più attenzione possibile ma mi è successo un inconveniente.
In un piccolo hotel mi sono fatta la doccia. sono uscita per cena e quando sono rientrata sono andata al lavandino a lavarmi i denti mi sciacquo con acqua del rubinetto, a sciacquarmi le ascelle poi volevo sciacquarmi anche le zone intime. Metto la mano sotto il getto e poi lo porto nella zona intima, rimetto la mano sotto il getto e rimango pietrificata perchè l'acqua, benchè scorresse da qualche minuto, è diventata nera, talmente nera che lasciava anche l'alone sulla ceramica del lavandino ... nera tipo nero di seppia per intenderci ed era anche maleodorante. Non era ruggine ma temo sia stata una contaminazione con acqua di fogna, non lo so.
Dopo un paio di lunghissimi minuti è ritornata trasparente e ovviamente non l'ho più utilizzata mi sono lavata benissimo con il sapone e le zone intime con delle salviettine umidificate .. non avevo nient'altro
Da allora sono abbastanza nel panico per la paura di aver potuto contrarre qualche malattia, a livello generale o a livello locale la zona intima.poi mi viene il dubbio che la contaminazione ci sia sempre stata, anche durante la doccia o mentre mi lavavo i denti ma che fosse semplicemente meno evidente ....
C'è effettivamente questo rischio Mi consigliate di fare qualche esame specifico o aspettare eventuali sintomi
Grazie mille

LEGGI LA RISPOSTA

Malattie del viaggiatore/ importazione

Salve
L'anno scorso a marzo mi sono recato in Angola per lavoro e sono stato punto dalla mosca del sonno,per la precisione 3 punture nel polpaccio destro. In cantiere mi hanno dato una pomata a base di eflornetina dicendomi che tutti venivano curati in quel modo e che comunque non vi erano grosse probabilità che la mosca fosse infetta perchè la degenerazione della malattia non era frequente anche se la mosca in quel momento era molto diffusa nella regione. Dopo un periodo di circa 20-25 giorni in cui ho usato quotidianamente la pomata il prurito ed i segni delle punture sono scomparsi. Tornato in Italia , dopo una settimana sono dovuto ripartire per il Mozambico e non effettuato nessun controllo.2 settimanane fa durante la visita della medicina del lavoro ho accennato al medico dell'accaduto che mi ha consigliato un controllo di verifica ad un centro di malattie infettive/tropicali.La malattia infatti può avere una incubazione molto lunga e manifestarsi ad anni di distanza dalla puntura per cui vi chiedo un contatto ove poter effettuare un esame appropriato che mi tranquillizza dalla presenza di un ospite indesiderato. Io risiedo a Ravenna.

Distinti Saluti

M.Riccardi

LEGGI LA RISPOSTA

Malattie Sessualmente trasmesse

Buongiorno,

settimana scorsa una ragazza con cui ho avuto un rapporto più di 3 mesi fa, mi ha contattato per dirmi di aver contratto il papilloma e che secondo lei io ne sarei la causa.

A me vengono i dubbi che sia lei a poter essere contaggiosa nei miei confronti avendo prima di me, a quanto pare altri rapporti non lineari.

Attualmente ho l ansia di avere una storia con le ragazze proprio per paura di infettarle se davvero sono io portatore di questo virus.

Penso sia giusto e responsabile effettuare i relativi controlli per valutare l' aver contratto o meno le malattie trasmissibili sessualmente.

Per l' hiv so che occorre fare un test a 3 mesi dal rapporto a rischio.
Volevo sapere quali e quanti sono i test relativi alle altre malattie trasmissibili perchè vorrei essere sicuro di non averne contratto nessuna. Cioè vorrei escluderle tutte.

Naturalmente trovo vergogna a parlare di questo e vorrei rivolgermi se esiste ad una struttura specifica come la trovo senza passare dal medico di base per privacy essendo vicinissimo alla famiglia.

Questi test verranno effettuati lo stesso giorno in forma anonima e gratuita dopo quanto tempo si avranno i risultati

Dovrei consultare un dermatologo o un andrologo o un virologo


Grazie mille
Francesco

LEGGI LA RISPOSTA

Infezioni ospedaliere

dopo un impianto di neurostimolatore midollare che terapia antibiotica viene applicata,grazie

LEGGI LA RISPOSTA

Altro

Cari dottori, come avviene il contagio ebola, e quali sono i sintomi Grazie.

LEGGI LA RISPOSTA

Epatologia

Salve,mio figlio ha 7 anni ha contratto la mononucleosi ci sono delle cure Il mio pediatra mi ha detto che dv fare riposo e in caso di bisogno devo mettere la tachicardia.parlando con un altra pediatra mi dice che devo dare antibiotico il bambino ha solo un po di dolori muscolari...sono confusa non so che fare . La febbre non supera 37.9 ......consiglio urgente sono nel pallone totale non so a chi ascoltare.....grazie

LEGGI LA RISPOSTA

Malattie del viaggiatore/ importazione

Gentili Esperti On Line,
vorrei chiedere qualche approfondimento circa l'articolo:

http://gds.it/2014/10/08/ebola-la-sicilia-e-tra-le-regioni-ad-alto-rischio-contagio_243617/

In particolare: il viaggio che dall'Africa conduce ai porti siciliani spesso dura mesi. Considerando, dunque, che la malattia ha un'incubazione di 21 giorni, non diventa difficile che un paziente affetto da Ebola possa raggiungere vivo le nostre coste

Sentiti ringraziamenti
Alessandra

LEGGI LA RISPOSTA

Altro

Sono un medico Ciro G.N. Improta specialista in chirurgia generale, iscritto all'ordine della prov. di Napoli dovendo recarmi in gennaio 2015 in Nigeria per una missione umanitaria, vorrei organizzare un ambulatorio per visite mediche generali. Vorrei conoscere i protocolli di diagnosi e cura della Ebola. Quali esami consentono di fare diagnosi di Ebola Quali reattivi sono indispensabili e come posso documentarmi sulle metodiche di analisi. In caso di sospetto di malattia quale protocollo comportamentale e terapeutico si deve applicare A napoli dove posso aggiornarmi In attesa di una vostra cortese risposta invio cordiali saluti dott. Ciro G. N. Improta.

LEGGI LA RISPOSTA

Epatologia

Buongiorno.
Il mio compagno portatore sano di epatite C ed io stiamo iniziando a valutare l'ipotesi di un figio.
Vorrei sapere quali sono i rischi, le precauzioni e/o le procedure da adottare ed eventuali centri a cui chiedere assistenza o in Piemonte o in Veneto.
Vi ringrazio fin d'ora per la vostra risposta.
Cordiali saluti,

Marta

LEGGI LA RISPOSTA

Altro

Mio marito sta facendo una terapia antibiotoca x 2 volte al dì con fiale di Rocefin per una presunta infezione dovuta ai reni nativi che sono reni policistici, lui è stato trapiantato il29 dic. 2013, i reni trapiantati sono in ottima salute ma i nativi stanno dando dei problemi. Si può eseguire ugualmente la tac col mezzo di contrasto anche sotto terapia antibiotica Le analisi sono buone.Grazie Tiziana.

LEGGI LA RISPOSTA

Altro

Egregi dottori,
Sei anni fa, a seguito di un forte dolore al petto/spalla lato sinistro, sono andato al pronto soccorso e sono stato ricoverato in cardiologia per alcuni giorni con la diagnosi di Pericardite. Alla visita di controllo post-degenza, dopo una cura con farmaci FANS, mi fu spiegato che la pericardite era stata causata da un virus e di non preoccuparmi poiché il buco si era chiuso e il peggio era passato.
Tre anni dopo ebbi un episodio simile di forte dolore, sono stato al pronto soccorso e dimesso dopo 12 ore con diagnosi di dolore intercostale e cura con farmaci FANS.
Due anni fa, in pieno benessere, mi sono comparsi forti dolori alle mani, ai polsi, con grosse tumefazioni e impedita funzionalità. Successivamente, gli stessi dolori, tumefazioni e impotenza funzionale si sono presentati a carattere migrante e ripetitivo anche alle caviglie, alle piante e dita dei piedi, alle ginocchia, ai gomiti . Per questo, il reparto di reumatologia ospedaliera mi ha diagnosticato lartrite reumatoide, una malattia autoimmune progressiva.
La mia domanda è multipla: Lo streptococco beta-emolitico di gruppo A, o altra infezione streptococcica, o altro virus può essere responsabile o provocare la malattia autoimmune rappresentata Può essere ricercato, anche se a distanza di tempo, leventuale virus Dove e come Leventuale infezione se individuata può essere debellata, combattuta, curata
Vi saluto. Grazie. Paziente di Foggia

LEGGI LA RISPOSTA

Malattie Sessualmente trasmesse

Gentilissimo Dottore,

Le scrivo per una preoccupazione che ogni tanto mi ritorna alla mente.

Due anni fa sono andato per la prima e spero anche ultima volta con una giovane prostituta rumena.
Il tutto si e' trattato solo di un rapporto oro-genitale fellatio con
preservativo indossato dall'inizio della durata di 8-10 min.

La mia preoccupazione sta nel fatto che mi ero depilato con il rasoio quelli multi lamette tipo gilette i peli del pene che mi crescono piccoli un'ora e mezza prima. La ragazza ha infilato il preservativo prima un po' con le mani e poi con le labbra per stenderlo tutto. Mi chiedo se nonostante il preservativo la saliva della ragazza possa essere
risalita all'interno del preservativo o aver raggiunto forse in momento di stesura del preservativo zone con microlesioni forse generate dalla rasatura

la ragazza comunque mi ha detto di fare controlli sanitari mensili, richiesti per legge, e io ho controllato comunque di non avere sulla pelle che copre il pene comunque nessuna lesione visibile.

Alla fine del rapporto dopo l'eiaculazione ho sfilato il preservativo
cercando di non far toccare alla parte esterna comunque nulla.

A distanza di 2 anni non ho avuto poi disturbi o lesioni che mi abbiano fatto pensare. Pensa ci possa essere stato il pericolo di contagio di HIV o di altre malattie

La ringrazio per l'aiuto,
Cordiali saluti,

LEGGI LA RISPOSTA

Epatologia

Cari dottori, volevo porvi ancora una domanda: nel caso di HCV positivo, il contatto tra sangue e la pelle di persona sana può determinare un rischio di contagio Voglio dire basterebbe un banale contatto Sono nel panico più totale. Grazie per il lavoro che svolgete.

LEGGI LA RISPOSTA

Epatologia

Qualche tempo fa vi avevo postato una domanda, potete gentilmente rispondermi Per me sarebbe molto importante. Grazie in anticipo.

LEGGI LA RISPOSTA

Infezioni ospedaliere

qualcuno sa definirmi entro quanto tempo da esposizione a caso indice di meningite meningococcica, va offerta la profilassi, ovvero dopo quando tempo va negata
non mi pare di aver trovato rispsote certe, non mi basta preferibilmente entro le 24/40 ore e dopo 7 giorni la neghiamo
e' forse più corretto far coincidere la durata della sorveglianza sanitaria con il tempo di offerta delle profilassi
grazie
C. Fico

LEGGI LA RISPOSTA

Malattie del viaggiatore/ importazione

Tra Luglio e Agosto mi recherò in Kenya, Uganda e probabilmente anche nel nord della Tanzania, dove mi tratterrò in totale 35 giorni, e vorrei chiedere un consiglio sulla profilassi antimalarica. Le località che ho in programma di visitare sono le seguenti: Nairobi, Kampala, i parchi Queen Elizabeth e Kibale forest ovest dellUganda, lisola di Zanzibar, le città di Dar Es Salaam, Mwanza e Arusha, e infine i parchi Serengeti, Ngorongoro e Lago Natron tutti nel nord della Tanzania. Durante il mio viaggio in questi territori mi proteggerò dalle punture di insetto con zanzariere, piastrine antizanzara e lapplicazione di Autan plus sulla pelle più volte al giorno. Nelle aree più a rischio conto di indossare anche abbigliamento irrorato con permetrina. Personalmente farei molto volentieri a meno della chemioprofilassi, tuttavia vorrei un parere circa lefficacia degli strumenti sopra citati per prevenire la malaria o meno. Se tali misure preventive non fossero sufficienti per quelle zone, che tipo di chemioprofilassi sarebbe più consigliata Ringrazio anticipatamente per eventuali risposte.

LEGGI LA RISPOSTA

Malattie Sessualmente trasmesse

Sono un uomo. Unico contatto a rischio della mia vita: nel 2004 feci un cunnilingus senza protezione a donna di cui ignoravo lo stato di salute.

Ultimi esami effettuati nel 2011:

Anti-hiv 1,2 anticorpi: negativo negativo
Tpha sifilide: negativo
Epatite B, C: negativi

Nel 2008 feci anche un Test su campione urine per gonorrea e clamidia: negativo.

Il test per ricerca di clamidia e gonorrea avrebbe dovuto essere fatto attraverso un tampone orofaringeo considerando il tipo di contatto a rischio. E allora pochi giorni fa e quindi a distanza di quasi 10 anni ho effettuato anche un tampone faringeo per ricerca di gonorrea e clamidia. Risultato e' negativo.

Io pero' dottore sono preoccupato dal fatto che magari nel frattempo l'infezione da gonorrea si sia disseminata nell'organismo e il tampone faringeo comunque non rileva piu' l'infezione nonostante avverta una sintomatologia che a leggere su internet e' molto simile a una DGI. Sospetto questo perche' ogni tanto ho come un lieve dolore alle giunture delle articolazioni e poi avverto linfonodi ascellari che si gonfiano e poi si sgonfiano, stanchezza, certe volte prurito in vari punti del corpo, sensazione di naso occluso, certe volte pizzicore nelle orecchie. Certe volte strani piccoli sfoghi che mi escono sulle braccia brufoletti e che dopo un paio di giorni si seccano e vanno via.

a se avessi un'infezione gonococcica disseminata e i sintomi che avverto fossero effettivamente ricollegati a questa patologia acquisita 10 anni fa da quel cunnilingus sprotetto, il risultato del test tampone faringeo che ho appena eseguito sarebbe ancora affidabile O magari non piu' visto che e' passato troppo tempo
b se avessi effettivamente sviluppato un'infezione da gonorrea disseminata, i valori di IgG e IgM non dovrebbero essere anomali dato che ci sarebbe un'infezione cronica nell'organismo
c i sintomi che avverto potrebbero essere dovuti a un'infezione da stafilococco che magari ho potuto contrarre in quell'occasione di 10 anni fa e che ancora risiede nel mio organismo
d una gonorrea disseminata potrebbe essere contagiata ad altre persone anche solo attraverso contatti normali come strette di mano

Grazie.

LEGGI LA RISPOSTA

Malattie del viaggiatore/ importazione

Alcuni anni fa sono stata in africa e sento dei movimenti incontrollati mi dicono fibriomialgia vorrei sapere dove anche in europa posso effettuare il test Elisa per oncocercha volvulus Visto che In Italia si effettuano solo le biopsie.Grazie

LEGGI LA RISPOSTA

Epatologia

Gentili dottori,grazie per la vostra celere e chiara risposta.Spero di non sembrarvi ossessionata,ma avrei qualche altra domanda da porvi.Premettendo che ho avuto un passato piuttosto difficile,ho 40 anni,sono affetta da talassemia con complicanze di HIV e HCV. Per HIV sono in terapia e mantengo una viremia molto molto bassa ormai da anni, per quanto riguarda l'HCV ho fatto una terapia di interferone e ribavirina per48 settimane nel 2010, da subito la viremia si e' abbassata fino a negativizzarsi, tuttora così.Arrivo al dunque, per HIV ho le idee più chiare rispetto alla trasmissione, tanti dubbi invece per l' HCV,essendo ormai negativa posso infettare Mesi fa mi sono ferita sul polso, una piccola ferita ma leggermente sanguinante,mia sorella nel tentativo di aiutarmi probabilmente ha toccato il mio sangue,rappresenta un rischio per lei Visto che l' infezione avviene per via ematica Oppure e' solo una mia fobia non vuole rifare il test a 6 mesi per rispetto nei miei confronti. Spero che possiate darmi una risposta, sto tanto male.Ancora grazie.

LEGGI LA RISPOSTA

Altro

Gent.mo direttore mia mamma che ha 74 anni ha la cirrosi compensata HCV correlata classe Child A genotipo 1b. Non può fare interferone poiché ha le piastrine pari a 60.000. Quindi attendiamo con ansia il sofosbuvir più ledispavir in uso compassionevole. ..si sa quando arrivano in Italia?

LEGGI LA RISPOSTA

Epatologia

Buona sera gentili esperti,vorrei tanto sapere se un normale test anti hcv, effettuato in un laboratorio privato, a 140 giorni dal presunto contatto con il virus, con risultato negativo, può considerarsi definitivo. O possono esserci brutte sorprese Spero in una vostra risposta. Un cordiale saluto.

LEGGI LA RISPOSTA

Epatologia

Buongiorno dottori, ho 41anni e da 3mesi a seguito di esame colturale su espettorato mi hanno detti che ho una micobatteriosi da abscessus. Vorrei sapere se in Italia esistono centri che possono curarmi. grazie.

LEGGI LA RISPOSTA

HIV-AIDS

Buonasera,
Sono ormai sette mesi che mi sottopongo ai test hiv donatore sangue e sono sette mesi che il test elisa risulta positivo e il test su rna e pcr negativi. Ogni volta al centro trasfusionale mi dicono di ripetere il controllo e non mi danno ulteriori informazioni. Come mi devo comportare Devo consultare un infettivologo o lasciare le cose come stanno Non ho problemi di salute ne comportamenti a rischio. Assumo la pillola anticoncezionale ma nessun altro farmaco. In sette mesi non ho mai avuto nemmeno un raffreddore. Cordiali saluti.

LEGGI LA RISPOSTA

Malattie del viaggiatore/ importazione

Buongiorno, avrei bisogno di un informazione riguardo un viaggio che intendiamo fare io e mio marito in Madagascar isola nosybe, isola nosy Komba, tour 4 gg 3 notti in nord madagascar, Ankarana park, Diego Suarez in data 09/09/14 stagione invernale/secca per 14 giorni.

Su internet trovo molti pareri discordanti riguardo la necessit o meno di profilassi antimalarica, epatite, ecc., tenendo ovviamente in considerazione che staremo sempre a dormire in strutture di almeno 3 stelle con zanzariera al letto e faremo sempre uso di spray repellenti, diffusori antizanzare per la notte ed abbigliamento adeguato.
Vi chiedo gentilmente parere in merito.

Ci tengo a precisare che per noi non un problema fare le vaccinazioni se non che implicano diversi stati di malessere nella maggior parte delle persone durante la loro assuzione e che avremmo intenzione di avere un figlio entro fine anno, e a tal proposito ho letto che la profilassi antimalarica impone poi lo stop per diversi mesi alcuni parlano di aspettare anche due anni....

Attendo Vostre gentilissime indicazioni e porgo cordiali saluti.

Silvia

LEGGI LA RISPOSTA

Altro

buonasera, vorrei porre una domanda hai vostri esperti . vorrei sapere se lo stafilococco aureo pu esserew causato anche dalle piattole ringraziandovi anticipatamente un caro saluto

LEGGI LA RISPOSTA

Altro

BUONGIORNO DOTTORI!
SONO UNA DONNA secondiGRAVIDA ALLA 8 SETTIMANA.
IL GINECOLOGO MI HA PRESCRITTO GLI ESAMI DI SANGUE.
CON L'ESITO IN MANO MI RECO DAL GINECOLOGO E... IN RIFERIMENTO ALLA TOXOPLASMOSI SORGONO GLI STESSI IDENTICI PROBLEMI CHE AVEVO AVUTO DURANTE LA PRIMA GRAVIDANZA:
TOXOPLASMA IgG >300 U.I./ml
TOXOPLASMA IgM 1.30


IL GINECOLOGO SOSPETTA CHE IO ABBIA LA TOXOPLASMOSI, COSA GRAVISSIMA!
IO PERò LA TOXO L'HO GIà AVUTA DIVERSI ANNI FA: AVEVO NOTATO CHE MI SI ERA GONFIATA UNA GHIANDOLA DIETRO LA NUCA, FECI LE ANALISI DI SANGUE E FU DIAGNOSTICATA LA TOXOPLASMOSI.

ANCHE DURANTE LA SCORSA GRAVIDANZA I VALORI DEL TOXOPLASMA ERANO IDENTICI NEGLI ESAMI MENSILI CHE LA GINECOLOGA MI FACEVA FARE.
POI FECI ANCHE LA TOXO AVIDITY:
28/02/2012
Ab antitoxoplasma(metodo I.F. a flusso)
classe IgG>900
classe IgM presenti
HBsAg(chemilum. diretta a sandwich) negativo|a
Anticorpi antitoxoplasma IgG Avidity 0.445


devo preoccuparmi durante questa seconda gravidanza????
se ho già contratto in passaato la toxoplasmosi possibile che gli anticorpi nn ne conservino più memria dopo un certo tempo??? se anche l'avessi ripresa credete che il feto sia a rischio????
vi prego fatemi sapere presto


grazie 1000

Elisa Craca

LEGGI LA RISPOSTA

HIV-AIDS

Buena tarde, me gustaria saber màs de ustedes pero no hablo Italiano, solo español, me pueden colaborar, muchas gracias.

Mi nonbre es Omar Grajales Mafla
vivo en Pereira Risaralda Colombia.

LEGGI LA RISPOSTA

Altro

"salve, ho mangiato salmone crudo qualche ora fa.
dopo pranzo mi sono accorta che sulla confezione c'era scritto di non ingerire il prodotto crudo, l'uso poteva essere fatto solo previa cottura o abbattimento in freezer.
vorrei capire che rischi ci sono e a cosa, eventualmente, devo stare attenta (sintomi vari, ecc)
ho telefonato all'ospedale della mia città ma l'unica cosa che mi hanno saputo dire è stata: se viene mal di pancia vada al PS.
grazie
valentina

LEGGI LA RISPOSTA

Malattie del viaggiatore/ importazione

"Buongiorno,

ho un amico che ha fatto una vacanza nell'America centrale (è partito a metà luglio ed è rientrato i primi di settembre).

Circa il 20 agosto ha iniziato ad avere di notte (e solo di notte) febbre molto alta. Ad una prima visita in loco gli hanno prescritto degli antibiotici e cortisone, risultato: Tutto esattamente come prima.

Dopo il suo rientro (i primi di settembre) ha iniziato a fare gli esami del sangue ed è stato poi ricoverato presso l'ospedale Amedeo di Savoia di Torino. Dove ad oggi non sanno ancora di che cosa si tratta.
Da quattro giorni, oltre a febbre molto alta di notte si è aggiunto gonfiore e male alle articolazioni, che peggiora di giorno in giorno.

Ieri gli hanno fatto fare una tac con mezzo di contrasto per verificare i polmoni.

Se oggi, anche da quest'ultimo esame non trovassero nulla, cosa consigliate di fare?

Avete da darci qualche consiglio?

Vi ringrazio anticipatamente.

Walter Bottega
"

LEGGI LA RISPOSTA

Epatologia

"Buongiorno
Vi disturbo per chiedere gentilmente un Vostro consulto.
Siccome sono parecchio ipocondriaco correi un vostro parere.
Tempo fa ho avuto un rapporto occasionale con una ragazza di 19 anniche pero' conoscevo da pochi gg, rapporto protetto con preservativo, risultato intatto prima e dopo il rapporto.
oltre la penetrazione, c'e stata solo masturbazione vaginale con dita.Sottolineo che avevo un piccolissimo taglietto non piu' sanguinante sullo scroto, che potrebbe essere andato in contatto con le secrezioni vaginali della ragazza.
A distanza di 10 gg esatti dal rapporto ho avuto un episodio di dissenteria acuta di 48 ore e un'eruzione cutanea sull'addome di poche ore,
Vi chiedo se la trasmissione hiv è possibile anche con la sola stimolazione vaginale e se i sintomi sopra elencati potrebbero essere segni di un contagio.
Per precauzione eseguiro' ugualmente un test tra qualche mese, ma nel frattempo vorrei una Vostra considerazione.
RingraziandoVi anticipatamente per la gentilezza e la disponibilita' porgo i miei piu' cordiali saluti e Vi ringrazioe per l'attenzione
Stefano
"

LEGGI LA RISPOSTA

HIV-AIDS

"Puo’ avere successo il contrasto all’HIV mediante l’utilizzo esclusivo di inibirori delle proteasi somministrati nella fase iniziale dell’infezione?
Saluti
Donato."

LEGGI LA RISPOSTA

Malattie del viaggiatore/ importazione

"Buona sera,
cinque anni fa mi sono recata a sharm el sheikh ed ho contratto dopo pochi giorni non so quale virus con febbre alta e dissenteria con scariche continue che mi hanno portato molta debolezza e dimagrento. Tornata a roma e non attenuandosi la dissenteria, mi recai dal dottore di casa il quale mi diete un antibiotico di cui non ricordo il nome e enterogermina. Appena preso l'antibiotico sembra tutto risolto da ad oggi io ancora non sto bene!nel senso ho spesso problemi intestinali con stipsi, addome gonfio e dolente dolori muscolari diffusi e ci tengo a precisare che prima di quel viaggio non avevo nessun problema di salute!
La mia domanda e' questa: potrebbe essere possibile che io abbia contratto magari qualche parassita ormai insidiato nel mio intestino e che mi provoca problemi di salute generali e aspecifici?potra' sembrare strana questa domanda ma io sono davvero disperata!ho girato da un dottoro all'altro senza trovare soluzione!unica diagnosi: colon irritabile post infettivo e fibromialgia.
Ringrazio per la risposta che mi darete.
Saluti
Samanta"

LEGGI LA RISPOSTA

Malattie del viaggiatore/ importazione

"buongiorno, tra pochi giorni dovrei partire per la costa d'avorio per 6mesi: mi chiedevo se prendere un antimalarico per tutto questo tempo non sia dannoso per il fegato, quali sono i rischi sull'assunzione prolungata e qual'è l'antimalarico melgio tollerato sul lungo periodo (malarone o lariam?)

grazie
Jessica"

LEGGI LA RISPOSTA

Altro

"Salve, vedendo su in internet tutte le vs attività credo possiate rispondere ad un mio dubbio.

Una quindicina di giorni fa io e mia moglie(abitiamo a l'aquila in abruzzo) abbiamo trovato un micetto di circa 20/25 giorni, lo abbiamo portato a casa una sera e dopo lo abbiamo portato a casa dei vicini dove c ' era la mamma (diciamo un gatto domestico anche se non credo vaccinato) alla quale l ' abbiamo restituito.


Dopo una decina di giorni il micetto è scomparso e sono circa una settimana che non si vede.


Guardando su internet eventuali cause di decesso ho visto della ricomparsa della rabbia in italia, e considerando che il contagio può avvenire non solo con morsi ma anche con piccole lesioni sulla mano anche preesistenti o con graffi del micetto che probabilmente ma non sicuramente ci sono stati e considerando che il periodo di 10 giorni di monitoraggio non ha potuto avere effetto in quanto il micetto non si trova più ho paura di aver contratto il virus.


Cosa potete dirmi a riguardo e cosa posso fare?


Grazie della risposta




"

LEGGI LA RISPOSTA

Tubercolosi

paziente con Ca vescicale, mantoux positivo,necessita di BCG intravescicale. Fare terapia preventiva?

LEGGI LA RISPOSTA

Malattie del viaggiatore/ importazione

"sono un collega anestesista e dovrei recarmi in agosto a zanzibar (vacanze al mare)gradirei sapere,visto che non è il periodo delle piogge, se è indicata la profilassi antimalarica ed eventualmente quali sono i farmaci da assumere.
grazie maurizio nave"

LEGGI LA RISPOSTA

Infezioni ospedaliere

"Gentili dottori,
sono una donna di 43 anni alla ventesima settimana di gestazione.Da circa tre giorni ho terminato l'assunzione di Zimox cps da 1 g, che ho assunto dietro prescrizione del ginecologo per cinque giorni nel numero di due al giorno, in seguito a perdite vaginali acquose che facevano temere un'infezione del sacco amniotico poi scongiurata.Premetto che soffro di colon irritabile esacerbatosi durante la gravidanza anche a seguito dell'assunzione di progesterone.Ebbene, sin dall'assunzione di zimox ho iniziato ad avvertire un aumento del gonfiore intestinale con borborigmi,difficolta'digestive, nausea e vomito episodici, che pero' attribuivo al Lentogest come altre volte.Ma ieri mattina, dopo aver evacuato una prima volta feci un po' molli, ho avuto due scariche diarroiche; poi, un po' piu' tardi, una terza piccola scarica che pero' mi ha spaventato oltremodo:di nuovo feci acquose con sangue vivo frammisto a muco dall'odore putrido. In passato ho sofferto di emorroidi, ma sempre con perdite ematiche estremamente ridotte.Tuttavia mi chiedo se in questo caso, visto che non avverto particolari dolori o bruciori anali, possa trattarsi di emorroidi interne e non, addirittura, di colite pseudomembranosa causata da antibiotico. Aggiungo che la mia temperatura corporea oscilla da 36,7 a 37 gradi centigradi da parecchio tempo e che, per il resto della giornata di ieri non ho avuto, se non gli altri fastidi accennati, altre scariche diarroiche. Voi cosa ne pensate? Devo effettuare un test per il Clostridium difficile o puo' trattarsi di colite accentuata da qualche virus intestinale che sta circolando attualmente, se non , addirittura, di un primo episodio di rettocolite ulcerosa, visto che sono un soggetto particolarmente ansioso e ultimamente stressato da una gravidanza non semplice? Grazie anticipatamente per il vostro interessamento. "

LEGGI LA RISPOSTA

Infezioni ospedaliere

"Mia moglie nel 2005 durante un intervento alla colonna ha subito la lacerazione della dura e la conseguente liquorrea e meningite batterica .
Non ci fu detto nulla delle conseguenze di tale
evento , al contrario fu banalizzata al punto tale
che non fu eseguita rachicentesi - emocultura -
indagini microbiologiche - tac- rmn - uroculture .
Dopo sei giorni dal ricovero mia moglie fu dimessa
dall'ospedale in piena terapia antibiotica
con 2 gr di ceftriaxone ( rocefin) senza nessuna
indicazione nel foglio di dimissioni a determinate
cure , con la sola prescrizione di riposo .
Dopo tre giorni vi ritornò di urgenza a causa
di gravi irrigidimenti al livello generale - del collo - disfagia - astenia . I medici dopo sei giorni ulteriori di ricovero- calvario , la dimisero dichiarando in foglio di dimissioni che
avevano fatto la ricerca del rigor nucale , che
risultava assente e che le analisi fatte avevano
escluso qualsiasi processo infettivo in atto .
Dopo anni di emergenze sanitarie - tre ulteriori
interventi chirurgici - impianto di neurostimolatore midollare per danno radicolare -
chirurgico , e nuovo intervento di stabilizazione
sulla L5 - , mia moglie è stata dichiarata invalida totale civile con diritto alla indennità
di accompagnamento a causa di quel drammatico
intervento del 2005 . Mia moglie ha avuto per due
anni drammatiche crisi di panico curate presso la
terapia antalgica con la agopuntura . Ha grossi
problemi neurologici , deficit di forza grave , paraparesi - tetraparesi . Solamente dopo anni
scopro mediante visite medicolegali e specialistiche della totale omissione di procedure
sanitarie in materia di infezioni meningitiche
batteriche ,di diagnosi e cura , sorveglianza e
assistenza . Di omessa denuncia alla ASL di competenza e qualt'altro . Scopro anche che la
dichiarazione in foglio di dimissioni riguardante
la esclusione di un processo infettivo in atto
nel secondo ricovero , era drammaticamente falsa ,
poichè le esigue -carenti analisi fatte dimostravano invece che mia moglie aveva ancora
gli strascichi della meningite -pcr 28,7 - ves 33-
fibrinogeno 610 . Scopro anche che ci fù consegnata una cartella clinica del tragico intervento chirurgico mancante di sostanziale
documentazione infermieristica descrivente del
calvario di mia moglie , crisi da lisi , vomiti,
nausee gravi , a cui si somministrò il zofran ,
e la mancanza più totale di controllo della terapia e il relativo decorso della cura antibiotica e del relativo evolversi della situazione , firme dei sanitari in diario clinico . A causa di questo sto portando avanti
una azione penale e civile e dei quali assurdi
risvolti non stò neanche a parlare , basti solo
pensare che il ctu e la clinica privata hanno
dichiarato che non si trattò di meningite ma di
meningismo da ipotensione liquorale !! in barba
alla evidente messa in terapia ad appena un ora
dopo l'intervento con 2 gr di rocefin , dato
l'evidente raddoppio dei globuli bianchi segnalato
da analisi del sangue . Vorrei solo avere un parere su questo quesito se gentilmente non fosse
per voi fonte di imbarazzo . Mia moglie è portatrice sana di anemia mediterranea - favismo ,
e all'epoca della infezione le fù dato il rocefin
senza nessuna indagine sulla tolleranza al farmaco. Secondo voi quale doveva essere il giusto
approccio antibiotico data tale condizione ematica ? . Se poi voleste darmi anche un parere
sulla questione generale dei fatti descritti vi
sarei grato . Cordiali saluti .
"

LEGGI LA RISPOSTA

Malattie del viaggiatore/ importazione

"Salve, vi scrivo per ricevere qualche informazione su parassiti tropicali.
Al ritorno da una permanenza di qualche mese in Guinea Bissau (quasi tre anni fa ormai) ho accusato un forte malessere con i seguenti sintomi: lieve febbre, forte dissenteria, spossatezza, forte gastrinterite. Mi sono rivolto immediatamente in ospedale dove mi sono stati fatti diversi esami ma non e' risultato niente. La dissenteria e' continuata per qualche mese alleviandosi solo dopo aver preso degli antibiotici che mi sono stati prescritti da un gastroenterologo. Nel frattempo ho iniziato ad accusare forti bruciori all'uretra e necessita' di urinare costantemente. Di nuovo una serie di analisi ed una ecografia da cui risultava un'igrossamento della vescica. Da allora infinite visite ed esami. il bruciore si all'uretra si e' ridotto restando prevalentemente nell'ultima parte dell'uretra. ho preso altri antibiotici. A seguito di questi bruciori urinari ho iniziato ad accusare disfunzioni erettili di cui non avevo mai sofferto. Il mio urologo mi ha prescritto del Cialis che sto ancora prendendo con effetti non proprio soddisfacenti. Ho anche una serie di eruzioni cutanee sulla schiena che in passato sono state anche caratterizzate da un liquido acquoso all'interno. Queste hanno lasciato delle macchie nerastre sulla schiena.
Parlando con un mio amico medico mi ha consigliato di recarmi in un centro per malattie tropicali. Adesso vivo a Londra ma rientro in Italia tra qualche giorno.
Ritenete plausibile che i sintomi descritti possano essere causati da parassiti tropicali?
A quale centro potrei rivolgermi? Vivo in provincia di Lecce. Potrei eventualmente fare dei test specifici anche in zona prima di recarmi in un centro di malattie tropicali?
Vi ringrazio anticipatamente
cordiali saluti"

LEGGI LA RISPOSTA

Altro

Buongiorno sono una signora del sud dell'Italia e precisamente della provincia di brindisi vi ho scritto un mese fà raccontandovi del problema chè e accaduto a mia fglia di dodici anni che a causa di un antibiotico ha il clostridium difficile .ho contattato vari medici tra i quali anche un gastroenterologo pediatrico di bari i quali hanno prescritto come terapia il metronidazolo 250 mg x 3 al dì la bambina ha 12 anni è alta1.53 e pesa 38 kg dopo dieci giorni di terapia che sembrava comunque anche durante il trattamento non avesse eliminato del tutto la sintomatologia (lievissimo muco nelle feci modestissimi dolori addominali) finita la terapia di dieci giorni, dopo sei giorni e tornato il muco in maniera molto piu accentuata come non c'era mai stato nemmeno all'inizio del problema con solo muco durante la defecazione e qualche filino di sangue .abbiamo di nuovo effettuato la ricerca delle tossine con esito positivo ed iniziato la terapia vancomicina 250 mg x 4 al dì i medici della mia zona purtroppo non hanno mai trattato con vancomicina il clostridium difficile perche nella nostra zona i casi di clostridium difficile nei bambini sono rarrissimi o addirittura inesistenti e mi hanno detto molto sinceramente che a riguardo non hanno esperienza mi chiedo se sto facendo il dosaggio giusto per la bambina avendo già avuto il fallimento col metronidazolo. Ho tanta paura che la situazione possa degenerare ancora di più .vorrei se è possibile sapere se il dosaggio è idoneo per età e peso della bambina e se c'è un centro specializzato al quale posso fare riferimento per questo problema anche fuori dalla puglia .non so più come gestire la situazione .vi ringrazio di cuore se vogliate darmi una celere risposta.

LEGGI LA RISPOSTA

Altro

"Sono un medico di 47 anni, e' ormai da tempo (circa 6 anni)che personalmente e meno mia moglie, eliminiamo sotto i colpi di tosse del materiale simil caseoso giallo grigiastro maleodorante che ci sembra provenire dalle alte vie aeree, associato ad un quadro clinico di astenia,facile affaticabilita',disturbi di concentrazione e di memoria sine febbre e con esami emetochimici,sierologici,autoimmunitari e strumentali(TAC Total boody,Rm encefalo, Gastro,colon etc..) nella norma.Sono riuscito a farlo analizzare dall'anatomo patologo G. Rossi che conclude :dall'esame del blocchetto che mi hai inviato ho fatto diagnosi di "actinomicetoma" ossia di "AGGREGATO NODULARE DI FORME FILAMENTOSE POSITIVE PER GROCOTT E GRAM COME DA ACTINOMICETI
Nella speranza che possa fornirmi delle indicazioni ti ringrazio anticipatamente per la disponibilità accordardatami e to porgo cordiali saluti.Dellanno Gregorio, medico s.e.t. 118 taranto.
"

LEGGI LA RISPOSTA

Malattie Sessualmente trasmesse

Buongiorno,ho 45 anni,il dermatologo mi ha diagnosticato lue primaria ed inviato al centro MST,essendo i tempi lunghi di attesa x il mst, il mio medico curante mi ha prescritto rocefil intramuscolo 1g 3,5ml x 6 giorni,cosa ne pensa?servira questa terapia a debellare la presunta infezione? inoltrei valori vdrl e tpha dei relativi esami sono tutti negativi a 11 giorni dall rapportoche ne pensa?

LEGGI LA RISPOSTA

Altro

Egregi dottori , sono una signora che vive nel sud dell'Italia e ho un problema con mia figlia, che ha 12 anni da 15 giorni ha muco nelle feci e dolori lievi addominali, i primi due giorni ha avuto 5 evacuazioni sempre di feci solide ma con parecchio muco e filamenti di sangue e dolori addominali più intensi durante e dopo assunzione di cibo e durante e dopo aver defecato.Ho iniziato da subito a dare codex (saccharomyces boulardii) e fiorilac ps con lactobacilli la sintomatologia e diminuita notevolmente ma pochissimo muco e sporadici dolori lievi persistono,non ha mai avuto feci liquide ma feci piuttosto caprine .Ho effettuato subito il primo giorno della sintomatologia la ricerca del clostridium difficile avendo avuto il sentore che potesse essere clostridium difficile perchè aveva assunto antibiotico ,macladin 250 mg x 2 al giorno ,dal 16 al 24 gennaio e cefixral 400 mg , x 1 c. al giorno dal 18 al 24 febbraio la bambina pesa 37 kg.Ha assunto l'antibiotico perchè raffreddata con tosse persistente.Ho effettuato la Coltura del clostridium e ricerca delle tossine con lo stesso campione di feci, ma con due provette separate, in due laboratori differenti .In un laboratorio il risultato è stato positivo sia per la presenza del clostridium d. nella coltura che positività alle tossine A e B .Nell'altro laboratorio tutto negativo .Ho ripetuto l'esame in un altro laboratorio dopo una settemana il risultato è stato negativo per le tossine, mentre per la coltura : presenza di alcune colonie d i clostridium difficile ; persiste la presenza lieve di muco nelle feci, i dolori addominali quasi inesistenti,dopo assunzione di cibo e durante e dopo la defecazione . La sintomatologia negli ultimi giorni è quasi inesistente, persiste piuttosto una stipsi. Forse per via dell'assunzine tutti giorni di codex e fiorilac .Sarebbe opportuna una terapia con flagil o vancomicina ? Mi preme aggiungere che ho trovato molta disinformazione per questo problema sia nei laboratori analisi che tra i medici pediatri e non so dove poter effettuare una visita specialistica, con persone che di questo problema siano più esperti . Per verificare se c'è realmente è l'eventuale terapia , per mia figlia che ha solo 12anni , perchè ho paura che questo problema possa creare delle complicanze . Vi ringrazio anticipatamente.

LEGGI LA RISPOSTA

Malattie Sessualmente trasmesse

Buonasera,una domanda la sifilide puo' essere contratta anche attraverso le mani se vengono a contatto con le mucose infette?in caso affermativo cosa bisogna fare?

LEGGI LA RISPOSTA

Epatologia

Salve! sono un ragazzo di 28 anni,ho un'informazione da chiedere; ho fatto 2 cicli di cura per HCV qualche anno fa con interferone + ribavirina, premetto che in tutte e 2 le cure si è negativizzato subito ma nel primo ciclo dopo un anno dalla fine si è ripositivizzato..il secondo ciclo l'ho finito da 3 anni e mezzo (a dicembre).Per 3 anni e mezzo ogni sei mesi ho fatto l'esame HCV quantitativo ed è negativo o non rilevabile; POSSO STARE TRANQUILLO?? (1° ciclo è durato un anno, 2° ciclo un anno e due mesi)grazie mille e cordiali saluti!

LEGGI LA RISPOSTA

Infezioni ospedaliere

"sono un medico internista e lavoro in una riabilitazione neuromotoria a cui accedono pazienti con gravi lesioni cerebrali acquisite, spesso dopo lunga degenza in area intensiva ospedaliera.
Ovviamente questi pazienti sono colonizzati spesso e volentieri da MDR e abbiamo purtroppo isolato i primi casi di IVU da Klebsiella KPC.
Vi chiedo se esistono linee guida aggiornate sulla corretta posologia degli antibiotici e sulle associazioni più utili nei confronti degli agenti MDR.
Grazie per l'attenzione
Dr. Giuliano Franco "

LEGGI LA RISPOSTA

Epatologia

Ho seguito al tg2 salute li prof.Armignacco che ha detto che esiste una nuova medicina per guarire l'Epatite c. Potreste dirmi come si chiama per asssumerla e guarire dalla malattia?Io l'ho contratta ai riuniti di Bergaqmo dove non si usava cambiare le siringhe quando ero io ricoverato. Se potete tel a 3892731577 per poter cosi guaRIRE DA QUESTA dalla MALATIA CJHE CONDIZIONA LA MIA SALUTE MOLTO NEGATIVAMENTE E NON MI FA VIVERE NORMALME3NTE COME POTREI SE FOSSI GUARITO.Grazie , SALVE VILLA VALERIO DA MONZA

LEGGI LA RISPOSTA

Epatologia

Sono Miriam,Catania,ho 58 anni con epatite C,genotipo 1, contratta x trasfusione nel 1973. ultime analisi: HCV Rna 135.626, GGT 61, GOT 23, GPT 31,bilirubina diretta 0,38 indiretta 0,44. Ho l'anemia mediterranea. Nella mia dieta: no alcolici,no farmaci no cibi con grassi animali e fritture. Che cura posso fare x evitare il peggio? Grazie.

LEGGI LA RISPOSTA