Diventa Socio! - Rinnova la quota 2018!

Focolai epidemici di meningite in italia


  1. Introduzione
  2. Definizione ed agenti eziologici
  3. Epidemiologia
  4. Clinica
  5. Modalità di contagio
  6. Linee guida per la diagnosi ed il trattamento
  7. Prevenzione: sorveglianza, chemioprofilassi e vaccini
  8. Utilità dei vaccini contro la meningite
  9. Bibliografia

Introduzione

In considerazione dei casi di meningite che si sono verificati nell’ultimo mese di Dicembre e nell’anno appena iniziato in alcune province italiane, ed in particolare nella regione del Veneto, si ritiene utile proporre una revisione del quadro complessivo della situazione ad oggi, corredata di approfondimenti di carattere epidemiologico e clinico, per meglio chiarire lo stato attuale e smorzare i toni di “ingiustificato allarmismo” che hanno caratterizzato queste ultime settimane.

I fatti riportano, tra il giorno 13 ed il 15 Dicembre 2007, il verificarsi, in provincia di Treviso di 8 casi di meningite, tre dei quali esitati nel decesso del paziente. Le indagini di laboratorio hanno confermato l’origine batterica della meningite ed in particolare la presenza di Meningococco sierotipo C.
L’intervento tempestivo ed adeguato dei Servizi di Sanità pubblica, condotto secondo le linee guida nazionali ed internazionali, ha circoscritto in breve tempo il focolaio.

Nelle successive settimane, fino ad oggi, si sono verificati ulteriori casi sporadici, sia in Veneto, sia in altre regioni d’Italia, il cui numero, tuttavia, non eccede l’andamento invernale abituale.

Dalla lettura del comunicato n°5 (07/01/08) del Ministero della Sanità, si apprende che non sono stati segnalati ulteriori casi associati al focolaio del Veneto, dopo l’ultimo segnalato in data 03 del corrente mese. Inoltre non risultano segnalati altri clusters epidemici.

Lascia un commento







quanto fa 12 più 20 ?

Leggi i commenti

Nessun commento.